Come prepararsi scientificamente alla maratona

Il training per la maratona può sembrare qualcosa di impossibile da sostenere. Tutto diventa più facile utilizzando qualche piccolo segreto. Scopriamo quale

Il training per la maratona richiede tantissimo tempo e preparazione scientifica. I maratoneti spendono settimane e mesi interi preparandosi all’evento con gli esercizi per la corsa e diete particolari. Tuttavia, quel che è davvero importante nel caso di una lunga corsa, è la preparazione mentale. Questo accade poiché correre svariati chilometri non è soltanto un considerevole impegno fisico, ma è sopratutto un’enorme sforzo per la mente che l’atleta deve sostenere. Per questo, allenarsi a correre una maratona significa anche allenare la propria mente, affinché questa guidi il maratoneta verso la meta finale.

Il training per la maratona psicologico, a detta di molti, è ugualmente importante all’allenamento fisico. Non a caso, i maratoneti d’élite usano specifiche strategie psicologiche per aiutarsi nella performance. Per esempio, quando nel bel mezzo di una corsa il respiro si fa corto, le gambe iniziando a diventare davvero pesanti e i polmoni subiscono un pauroso sovrasforzo, molti pensieri negativi iniziano ad affluire nella mente. Proprio in quell’istante bisogna calmarsi e ricordarsi che correre porta moltissimi benefici alla salute.

Per riuscirci durante la corsa, però, nel training maratona bisogna porsi domande specifiche: “Cosa farò se dovesse piovere?” Oppure: “Come agirò se mi venisse a mancare il respiro?” Per annullare il rischio di queste possibilità, i maratoneti identificano durante la preparazione le potenziali strategie per uscire fuori dalla situazione critica al momento opportuno. Come mostrano diversi test effettuati sugli atleti statunitensi, per resistere alla tentazione di fermarsi quando le cose si fanno pesanti, bisogna prima accettare che questo possa accadere e poi cercare delle vie d’uscita ancora prima della maratona stessa.

Un altro modo per non fallire nel training maratona è quello di parlare con il proprio “io”. E’ una tecnica utilizzata dai più grandi maratoneti del mondo e consiste nel ripetersi una o più frasi durante la corsa. Questo aiuta a concentrarsi e focalizzarsi sull’obiettivo, togliendo dalla testa pensieri inopportuni riguardo il fallimento. Spesso, inoltre, le frasi auto-riferite vengono aiutate dai “mantra”, una parola di origine sanscrita che significa letteralmente “strumento per pensare”. Come le frasi, i mantra, vengono utilizzati per catalizzare l’attenzione sull’obiettivo. Questo è il punto chiave per prepararsi adeguatamente a una lunga corsa: la focalizzazione.

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Come prepararsi scientificamente alla maratona