Come curare l’alitosi

L’alitosi è un problema particolarmente fastidioso, in quanto difficilmente individuabile per chi ne soffre: il che provoca non solo conseguenze negative per i rapporti sociali, ma può provocarne anche per la salute in quanto a volte si tratta del sintomo di un problema che va riconosciuto e curato.

Come curare l’alitosi, i sintomi e le cause
L’alitosi può presentarsi la mattina appena svegli, oppure durante il giorno dopo aver bevuto alcool o aver fumato. Questo è il tipo di alitosi meno grave: basta lavarsi bene i denti e sciacquarsi le gengive con un colluttorio per qualche minuto.
Se tuttavia nonostante queste operazioni l’alito cattivo continuasse a persistere, allora probabilmente la causa è più profonda e attiene alla sfera della salute. Potrebbe dunque trattarsi di carie, ascessi, protesi od otturazioni rovinate, ma anche tonsilliti, malattia da reflusso gastroesofageo, fino ad arrivare al diabete e al tumore.

Come curare l’alitosi, gli esami
L’alitosi si può misurare scientificamente con un apparecchio che monitora la concentrazione dei gas prodotti dai batteri. Lo strumento da usare si chiama "Halimeter” e individua la provenienza esatta dei gas.

Come curare l’alitosi, consigli e rimedi
Lavarsi i denti spesso, sempre dopo ogni pasto.
Usare il filo interdentale per rimuovere residui di cibo che fermentando generano gas e cattivi odori.
Usare sempre il colluttorio per disinfettare la bocca.
Masticare chewing-gum per stimolare la secrezione di saliva.
Bere molto.

Lascia un commento

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Come curare l’alitosi