Come avere finalmente gli addominali a tartaruga

Gli addominali a tartaruga sono sulla lista delle cose che tutte le donne vorrebbero avere, ma che pochissime riescono ad ottenere

Molte persone sono convinte che, per avere gli addominali a tartaruga, sia determinante il numero di ripetizioni da effettuare. In realtà, per sviluppare gli addominali, come d’altronde ogni altro muscolo del nostro corpo, occorre eseguire poche ripetizioni per ogni set di esercizi e, quando l’esecuzione comincia a diventare fluida, aumentare la resistenza, e non il numero delle ripetizioni!

Un altro errore che commettiamo spesso quando cerchiamo di costruire una tartaruga invidiabile è quello di dimenticarci dello strato di grasso che la ricopre! Se vogliamo vedere i nostri addominali definiti, dobbiamo impegnarci a ridurre il tessuto adiposo che riveste tutto il corpo. Questo significa fare attenzione alla dieta e allenare i grandi gruppi muscolari, con esercizi che permettano di bruciare molte calorie, come lo squat.

Quella che viene comunemente chiamata “tartaruga” non è altro che un fascio di muscoli che si estende dalla cassa toracica fino all’osso pubico. Qualsiasi esercizio specifico per gli addominali lavora l’intera area; il muscolo retto è supportato dagli obliqui interni ed esterni e dal muscolo sacrospinale, che insieme concorrono a sostenere la colonna vertebrale.

I muscoli addominali formano un nucleo che collega la parte inferiore del corpo a quella superiore.
È di vitale importanza che questo nucleo sia forte per la corretta esecuzione dei movimenti e per prevenire il mal di schiena. Quindi gli addominali a tartaruga non servono solo a scopo estetico, ma anche per la postura e, in generale, per riuscire meglio in tutti gli ambiti della vita.
Di seguito vi presentiamo due tra i migliori esercizi per costruire addominali da urlo. Cercate di eseguirli correttamente e con costanza.

Il crunch è l’esercizio più popolare per allenare gli addominali alti. Sdraiate, con le gambe piegate a 90° e i piedi appoggiati al materassino, tenete la testa sollevata con le dita sulle tempie, facendo attenzione a non tirare il collo; contraete gli addominali per sollevare le spalle da terra, cercando di mantenere la parte bassa della schiena a contatto con il materassino. Una volta arrivate al culmine dell’esercizio, fermatevi e stringete gli addominali, dopodiché tornate lentamente alla posizione di partenza. Variazione: crunch con gym ball.

I reverse crunch si concentrano invece sulla parte bassa degli addominali. Sdraiatevi con la testa e le spalle attaccate al materassino e le ginocchia piegate a 90°. Tenendo le braccia aperte, avvicinate le ginocchia al petto e mantenete la posizione; contraete gli addominali per sollevare i fianchi dal materassino. Ritornate alla posizione di partenza.

Immagini: Depositphotos

© Italiaonline S.p.A. 2019Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Come avere finalmente gli addominali a tartaruga