Cibo e sesso: soltanto questione di dopamina

Se vi abbuffate facilmente fuori pasto e svuotate interi barattoli di nutella con troppa disinvoltura, se vi tuffate sui bignè e le torte di ricotta con allegria, e adorate morbosamente i soufflé e le pizze ai 4 formaggi, non sentitevi più troppo in colpa.

Se fate parte della categoria che ama esagerare con i drink e fuma allegramente… anche 40 sigarette al giorno, non vi dannate.

Sappiate che non è soltanto perché vi manca la  forza di volontà, o perché siete incapaci di resistere alle tentazioni.

Se indulgete a sguazzare nelle dipendenze, la vera responsabile è la dopamina.  Il neurotrasmettitore che si attiva durante quasi tutte le esperienze gratificanti e – secondo un recente studio dell’Università di Copenaghen –  altera i meccanismi che regolano il piacere quando il suo dosaggio risulta eccessivo, provocando  la predisposizione alle addiction.
 

Anche se propendete ad assecondare i piaceri della carne e adorate trascorrere l’intero fine settimana a letto con l’innamorato o siete insaziabili tombeur de femmes, la responsabile principale della vostra leggerezza è sempre lei, la dopamina, l’ormone che influenza i comportamenti compulsivi: dalle droghe al fumo, dal sesso al cibo.

E quando sballa e va oltre la soglia di sicurezza, fa saltare tutti i freni inibitori mandando in tilt i meccanismi del piacere.

 

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Cibo e sesso: soltanto questione di dopamina