Cherimoya per fare il pieno di antiossidanti e proteggere la vista

Frutto ricco di carotenoidi e fibre, si contraddistingue per un sapore piacevolmente dolce

La cherimoya, nota anche con il nome scientifico Annona cherimola, è un frutto noto per la sua polpa dolce e cremosa. Originario della zona delle Ande, è contaddistinto da benefici molto importanti per la salute. Tra questi, è possibile citare la presenza di un notevole contenuto di antiossidanti. In questo novero è possibile includere l’acido kaurenoico, i flavonoidi, i carotenoidi e la vitamina C. Come dimostrato da diversi studi in provetta, sia la buccia sia la polpa di questo frutto sono particolarmente ricche di antiossidanti.

Proseguendo con l’elenco dei benefici della cherimoya, è opportuno chiamare in causa pure l’importante contenuto di vitamina B6 o piridossina. Quest’ultima, è particolarmente rilevante per il benessere mentale in quanto favorisce la sintesi di neurotrasmettitori come la serotonina e la dopamina, cruciali quando si tratta di regolare il tono dell’umore.

Si potrebbe andare avanti ancora molto a parlare di questo speciale frutto tropicale! Tra gli aspetti da ricordare rientrano anche le ripercussioni sulla salute degli occhi. Come sopra accennato, la cherimoya è ricca di antiossidanti, tra i quali è possibile annoverare la luteina.

I suoi effetti sulla vista sono stati più volte al centro dell’attenzione scientifica. Degno di nota a tal proposito è una meta-analisi risalente al 2014 e condotta da esperti di diverse realtà accademiche cinesi. Le equipe in questione hanno preso in considerazione i dati di sette studi trasversali e di uno studio di coorte. Cosa hanno scoperto? Che i soggetti con livelli ematici di luteina più alti avevano un rischio ridotto del 27% di avere a che fare con la cataratta.

I motivi per cui la cherimoya fa bene alla salute non finiscono certo qui! Da non trascurare sono anche le sue proprietà relative al controllo della pressione. Il frutto di cui stiamo parlando è infatti ricco di potassio, minerale fondamentale per la regolarità dei valori appena citati.

Quando lo si nomina, è necessario fare un cenno anche al contenuto di fibre, nutrienti notoriamente fondamentali per l’efficienza della digestione. Facciamo altresì presente che, grazie alla presenza di vitamina C, può aiutare a mantenere efficiente il sistema immunitario. Da consumare dopo aver tolto pelle e semi, la cherimoya è buonissima nello yogurt o nelle macedonie. Concludiamo rammentando che, prima di introdurla nella dieta, è basilare

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Cherimoya per fare il pieno di antiossidanti e proteggere la vista