Capelli: la loro caduta peggiora in primavera

La primavera causa la caduta dei capelli: il cambio di stagione è un periodo molto delicato, ecco alcuni consigli per prevenire questo problema

La primavera è una delle cause della caduta dei capelli: si tratta di un periodo abbastanza complesso in cui l’assottigliamento e la perdita dei capelli possono verificarsi frequentemente. Comprendere le cause è fondamentale al fine di ricorrere alle cure più adeguate. Innanzitutto, bisogna considerare che il cambiamento climatico non influisce unicamente sull’ambiente, ma anche sul proprio organismo. I capelli sono i primi a risentirne, poiché si trovano ad affrontare la variazione delle temperature, sfibrati a causa del clima invernale.

Antonella Tosti, esperta di Dermatologia presso Miller Medical School of Medicine, University of Miami, afferma che un aumento della caduta dei capelli colpisce circa il 30% delle persone. La causa risiede principalmente nel cambio delle ore di luce con quelle di buio. La caduta dei capelli durante la primavera inoltre, non riguarda solo l’uomo, ma si verifica anche nei mammiferi con la cosiddetta muta. Ogni persona può perdere dai 50 agli 80 capelli al giorno. Per cui, quando ci si pettina, è del tutto normale notare una grossa quantità di capelli lungo il pettine.

La situazione assume un aspetto più grave quando a venir via sono una maggiore quantità di capelli (oltre 100). Tale problematica può essere causata da diete primaverili “fai da te” e può evolversi in una patologia definita Telogen Effluvium, ovvero una caduta di capelli eccessiva. Questa patologia può manifestarsi anche a causa di disfunzioni della tiroide, nonché lunghe esposizioni al sole, forte stress, dermatite seborroica del cuoio capelluto ed assunzione di farmaci contenenti vitamina A per la cura del colesterolo o della depressione. Nei casi più gravi può portare alla formazione di chiazze, diradamenti e perdita del volume dei capelli.

Per prevenire questo problema si può ricorrere al PRP (Plasma Ricco di Piastrine), un vero e proprio trattamento rigenerativo che stimola le cellule staminali e favorisce un’adeguata crescita dei capelli. La caduta dei capelli in primavera può essere causata da un’altra patologia: l’alopecia areata che può colpire anche le sopracciglia, le ciglia e altre zone del corpo con conseguenze antiestetiche che sfociano in cattivo umore e bassa autostima. Non sempre è necessario un trattamento poiché, talvolta, la ricrescita può avvenire in modo naturale e spontaneo.

Capelli: la loro caduta peggiora in primavera