Cacao, ricco di polifenoli e alleato del cuore

Grazie ai polifenoli, il cacao è un alimento dal grande potere antiossidante e protegge il sistema cardiovascolare

La storia del cacao affonda le radici in un lontano passato, e già all’epoca dei Maya era considerato un rimedio naturale per molti problemi di salute. Dai semi della pianta di cacao si estrae una polvere dal sapore intenso, utilizzata prevalentemente per la produzione di cioccolato. Grazie al suo profilo nutrizionale, si rivela essere ricca di proprietà benefiche per il nostro organismo.

Ciò che per primo balza all’occhio è la sua quantità di antiossidanti, sostanze che agiscono contro i radicali liberi e contrastano l’insorgenza di malattie legate allo stress ossidativo. Il cacao è infatti ricco di polifenoli (tra cui i flavanoli), che hanno un importante ruolo nel proteggere il cuore: uno studio pubblicato su Frontiers in Nutrition ha dimostrato come questi antiossidanti migliorino la salute cardiovascolare, riducano i livelli di colesterolo e di zucchero nel sangue e prevengano il rischio di infarto e ictus.

Sempre i flavanoli sono legati ad una riduzione della pressione sanguigna e ad una diminuzione dell’infiammazione del corpo. Una metanalisi pubblicata sul Cochrane Database of Systematic Reviews ha evidenziato la capacità dei polifenoli di stimolare la formazione di ossido nitrico nel sangue, che favorisce la vasodilatazione e migliora la funzionalità dei vasi sanguigni. Per quanto riguarda invece l’infiammazione, necessita ancora di ulteriori studi il legame tra l’azione antiossidante nel contrastare gli stati infiammatori e la riduzione del rischio di sviluppare alcune forme tumorali. Tuttavia, i risultati attualmente raggiunti sono incoraggianti.

Il cacao potrebbe avere anche un’azione ipoglicemizzante e prevenire così il rischio di insorgenza del diabete di tipo 2. Esperimenti in vitro hanno dimostrato che i flavanoli rallentano l’assorbimento degli zuccheri nel sangue e migliora la secrezione di insulina. Anche in questo caso, però, è necessario attendere ulteriori studi che possano confermare queste evidenze sperimentali.

Ancora, i polifenoli migliorano la funzione cerebrale e l’apporto di sangue al cervello. Come abbiamo già visto, infatti, i flavanoli stimolano la vasodilatazione, aumentando il flusso sanguigno, e dal momento che attraversano la barriera emato-encefalica svolgono un ruolo importante a livello biochimico. Per questo il cacao potrebbe avere effetti protettivi nei confronti di patologie quali la demenza senile e il morbo di Alzheimer.

L’elevato contenuto di triptofano è invece alla base dell’effetto rilassante e benefico del cacao. Questa sostanza favorisce il rilascio di endorfine, peptidi conosciuti come antidolorifici naturali per la loro capacità di generare rilassamento e ridurre il dolore. Inoltre ha un ruolo importante nella sintesi della serotonina, l’ormone del buonumore: i suoi effetti migliorano l’umore e combattono la depressione. Infine, il cacao ha potere stimolante sul sistema nervoso grazie alla presenza di caffeina e teobromina.

Le principali controindicazioni al consumo di cacao riguardano proprio il suo contenuto di sostanze neurostimolanti: chi soffre di tachicardia dovrebbe evitarne l’uso. I soggetti allergici devono prestare particolare attenzione, perché questo alimento stimola il rilascio di istamina. Poiché è possibile l’interazione con farmaci per l’asma e per l’ipertensione, è meglio consultare il proprio medico se si è in cura. Infine, è bene non esagerare: il cacao è particolarmente calorico, e i prodotti che ne derivano sono spesso ricchi di zucchero.

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Cacao, ricco di polifenoli e alleato del cuore