Biancospino per proteggere la salute del cuore

Dati scientifici alla mano, questa pianta è un toccasana per la salute cardiovascolare

Il biancospino, conosciuto anche con il nome latino Crataegus Oxyacantha, è una pianta appartenente alla famiglia delle Rosaceae. Diffuso soprattutto nelle zone a clima temperato di Europa, Asia e America, è caratterizzato da diversi benefici.

Degna di nota a tal proposito è la presenza di polifenoli e antiossidanti come la quercetina e l’iperoside. Proseguendo con l’elenco delle sostanze antiossidanti presenti nel biancospino, è impossibile non chiamare in causa l’apigenina, un flavonoide naturale fondamentale per l’efficienza dell’apparato cardiocircolatorio.

I benefici del biancospino sono stati approfonditi più volte dalla scienza. Tra i lavori più interessanti a tal proposito è possibile citarne una revisione risalente al 2010 e condotto da un’equipe attiva presso il Beth Israel Continuum Center for Health and Healing.

Il team che l’ha portata avanti ha esaminato diversi studi controllati con placebo, grazie ai quali è stato possibile scoprire che, a seguito della somministrazione di estratto di biancospino, pazienti affetti da insufficienza cardiaca lieve palesavano miglioramenti della sintomatologia. Gli esperti che hanno gestito la revisione scientifica hanno fatto presente che, nonostante questi risultati, non si può parlare di una riduzione della mortalità o dei casi di morte improvvisa.

Tornando un attimo ai benefici del biancospino – le cui bacche sono contraddistinte da importanti proprietà antinfiammatorie – è impossibile non citare l’azione sedativa, particolarmente utile quando si soffre di problemi di insonnia. Questa pianta, che favorisce un’azione di riduzione del colesterolo LDL e dei trigliceridi, può essere consumata in diversi modi.

Tra questi è possibile citare la tisana, che si prepara mettendo in infusione le foglie e i fiori della pianta, ma anche la tintura madre. Da non dimenticare è anche l’estratto secco, per non parlare delle bacche, ottime come spuntino o per preparare gustose marmellate. Il biancospino ha controindicazioni? In linea di massima, questa pianta è ben tollerata dall’organismo umano.

Essenziale è ricordare che la sua assunzione è sconsigliata in caso di pressione bassa, soprattutto se si assumono farmaci. Per quel che concerne l’assunzione del biancospino in gravidanza e in allattamento, è importante sottolineare che, oggi come oggi, non ci sono sufficienti studi per parlare di sicurezza. Per togliersi qualsiasi dubbio in merito, la cosa giusta da fare è chiedere consiglio al proprio medico curante.

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Biancospino per proteggere la salute del cuore