Bastoncini di liquirizia, possibile rimedio contro acidi e cattiva digestione

Rimedi erboristici antichissimi, possono rivelarsi dei preziosi alleati della salute di stomaco e intestino

I bastoncini di liquirizia sono tra i rimedi erboristici più antichi e conosciuti. Legati a una pianta originaria dell’Asia occidentale e dei Paesi dell’Europa meridionali, rappresentano delle possibili alternative naturali contro l’acidità gastrica e la cattiva digestione. La scienza si è più volta soffermata sui loro effetti.

Degno di nota a tal proposito è uno studio condotto nel 2012 da un’equipe attiva presso il Srinivasa Diabetic Research Centre di Bangalore (India). Gli esperti appena menzionati hanno reclutato un campione di 50 soggetti. A un follow up di 30 giorni, è stato possibile scoprire che, rispetto al placebo, la somministrazione di una capsula a base di liquirizia era in grado di influire maggiormente sui sintomi dell’indigestione.

Un altro studio che vale la pena citare è stato invece effettuato nel 2013 e ha visto in prima linea esperti di diverse realtà sanitarie italiane, tra le quali è possibile citare l’ospedale di Giussano e l’Ospedale Ceva di Cuneo. Gli studiosi si sono basati sui dati di un campione di 58 pazienti con GERD (reflusso gastroesofageo) che, monitorati per un lasso di tempo di 8 settimane, sono stati divisi in due gruppi.

Quello trattato con l’integrazione di una bassa dose di acido glicirretinico – glucoside triterpenico e principio attivo più importante della radice di liquirizia – trattamento standard, ha palesato un miglioramento notevole della sintomatologia. Quando si parla di questi lavori di ricerca, è doveroso rammentare che i risultati sono promettenti ma che riguardano campioni di pazienti numericamente esigui. Per questo, prima di discutere di efficacia definitiva sono necessarie ulteriori conferme.

In linea di massima, i bastoncini di liquirizia sono considerati sicuri. Come in tutti gli altri frangenti, anche in questo è importante la moderazione. Esagerare può provocare infatti effetti collaterali fastidiosi o addirittura pericolosi. Qualche esempio? L’abbassamento dei livelli di potassio, così come l’eccessivo incremento dei valori della pressione arteriosa.

L’ipertensione rientra inoltre tra le controindicazioni da non trascurare. Quali sono le altre? Giusto per citare alcune tra le principali, ricordiamo le patologie renali, l’insufficienza cardiaca congestizia o scompenso, i bassi livelli di potassio nel sangue, la gravidanza. Alla luce di ciò, prima di iniziare a utilizzare i bastoncini di liquirizia – che si possono masticare ma anche tagliare a piccoli pezzi e impiegare per la preparazione di infusi – è utile consultare il medico curante.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Bastoncini di liquirizia, possibile rimedio contro acidi e cattiva dig...