Barefooting: tutti i benefici di camminare scalzi

Praticare barefooting offre benefici non indifferenti all'organismo, a cominciare da un'incredibile sensazione di libertà che scaturisce dal contatto senza limiti con la natura

La pratica del barefooting offre benefìci di diverso tipo che coinvolgono dalla muscolatura alla circolazone sanguigna. Tutto l’organismo, in generale, può usufruirne. Il barefooting, più che un’attività fisica, si può definire come una vera e propria filosofia di vita. Chi lo sposa ama vivere a piedi nudi, camminando e correndo a pieno contatto con il terreno. Questo avveniva per migliaia di anni in passato: l’uomo era scalzo ed il suo piede era più forte e resistente. Il barefooting ha tra i suoi benefici più grandi l’incomparabile sensazione di libertà che sa offrire.

Il barefooting non ha limitazioni di età. Questo vuol dire che tutti quanti, grandi e piccini, possono praticare il barefooting. Tra i benefìci maggiori si riscontra una migliorata termoregolazione del corpo per cui anche alle temperature più basse si riesce a resistere senza la necessità di coprirsi eccessivamente. Se si hanno piedi malandati, il barefooting porta benefìci a diversi problemi come alluce valgo, duroni, calli e dita a martello. Una camminata a piedi scalzi ogni giorno, quindi, è utilissima, specie se si utilizzano per lavoro scarpe costrittive o se si indossano i tacchi per un numero prolungato di ore ogni giorno.

Secondo la filosofia del barefooting (in italiano gimnopodismo) chi indossa le scarpe contribuisce ad indebolire i propri muscoli. Per iniziare si può partire dal camminare scalzi semplicemente in casa. In questo modo si migliora la postura (perché si ritrova il proprio baricentro), si rinforza la muscolatura, si favorisce la traspirazione (addio, quindi, ai cattivi odori), si migliora la circolazione del sangue. Riguardo al barefooting, i benefìci vanno ad interessare la pianta del piede che gode di un piacevole massaggio, dato dal contatto diretto con il suolo.

Anche sotto il piano più strettamente scientifico, il barefooting ha benefìci che vale sicuramente la pena elencare. Camminare a piedi nudi riduce anche in maniera sostanziale lo stato infiammatorio dell’organismo, controllando anche le variazioni della pressione sanguigna. Ecco perché è provato che i benefìci riguardano soprattutto la riduzione dell’ipertensione. Questo avverrebbe grazie alla stimolazione di particolari zone nervose del piede da parte del suolo, nel pieno piacere di riscoprire il contatto diretto con Madre Natura sia sotto il profilo fisico che psicologico.

© Italiaonline S.p.A. 2019Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Barefooting: tutti i benefici di camminare scalzi