Tumori e barbecue: 10 consigli per evitare cotture pericolose

Dagli esperti dell'American Institute for Cancer Research arrivano delle semplici dritte molto utili per bbq salutari

Con l’arrivo della bella stagione, per molte persone si apre anche il tempo delle grigliate all’aperto con gli amici.

Si tratta di momenti molto piacevoli, ma da gestire con attenzione. A seguito della cottura tramite barbecue, sulla carne si possono infatti formare delle sostanze cancerogene.

A ricordarlo recentemente, non certo per la prima volta, sono stati gli studiosi dell’American Institute for Cancer Research.

Sempre da loro, sono arrivate anche delle dritte pratiche su come ridurre la pericolosità della cottura, così da evitare di rinunciare ai tanto amati bbq in giardino.

Prima di tutto, gli esperti consigliano di includere nella propria grigliata non solo la classica carne rossa, ma anche la carne bianca (p.e. il pollo) e le verdure (p.e. peperoni, zucchine, pomodori).

Gli studiosi dell’American Institute for Cancer Research ricordano inoltre che, ricorrendo alla cottura tramite marinatura, è possibile ridurre notevolmente il tasso di rischio di formazione di sostanze cancerogene sulla carne.

Fondamentale è poi alternare sugli spiedi la carne e le verdure. Il vantaggio per la carne in questo specifico caso riguarda la diminuzione dell’area esposta al calore delle fiamme.

Da non dimenticare è anche l’importanza di aggiungere erbe e spezie. Quando si parla di barbecue sicuro, il rametto di rosmarino non è un semplice tocco di sapore in più. Si tratta di un eccellente alleato per la salute, dal momento che è caratterizzato dalla presenza di antiossidanti.

Mentre si procede con la cottura è opportuno evitare di esporsi eccessivamente al fumo (alternarsi alla griglia con qualche amico renderà il tutto molto più divertente) e, in generale, cercare di ridurre i tempi. Una volta terminato il tutto, è opportuno pulire bene la griglia.

Tornando un attimo indietro e a quello che bisognerebbe fare prima di cominciare a cuocere, si ricorda che gli esperti dell’American Institute for Cancer Research raccomandano la scelta di legni duri che bruciano a temperature basse.

Opportuno è anche scegliere carni magre o private del grasso dopo l’acquisto e non avviare il processo di cottura con agenti chimici. L’ultimo consiglio, semplice ma altrettanto utile al fine di una cottura equilibrata, consiste nel girare spesso la carne durante la preparazione della grigliata.

© Italiaonline S.p.A. 2019Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Tumori e barbecue: 10 consigli per evitare cotture pericolose