Avere una camera profumata aiuta a fare bei sogni

Cospargere la stanza da letto di piacevoli profumi aiuta a fare sogni meravigliosi

Profumi, aromi, essenze: in casa fanno bene. Di più: sono perfetti in camera da letto. Fino a ieri era solo una buona intuizione, tant’è che dilagava la moda di collocare nell’alcova incensi e profumatori d’ambiente.

Oggi arriva la conferma da parte della scienza: cospargendo la stanza da letto di piacevoli profumi – a condizione che si tratti di aromi delicati-, l’olfatto traghetterà il sonno verso sogni meravigliosi. La scoperta si deve a uno scienziato tedesco, Boris Stuck, del Policlinico ospedaliero di Mannheim, che è giunto ad asserire l’esistenza di un legame tra olfatto e sonno, e più nel dettaglio a concludere che gli odori influenzano ciò che si sogna: quelli sgradevoli regalano sogni brutti, viceversa fragranze aromatiche e gentili come il profumo di rosa aprono le porte ai sogni più belli. Lo studio di Stuck è stato presentato al congresso annuale dell’American Academy of Otolaryngology a Chicago.

I ricercatori hanno coinvolto un gruppo di persone e hanno profumato le loro stanze da letto, notte dopo notte, con gradevoli aromi – come quello dei petali di rosa – o con cattivi odori – come quello di uova marce. Al mattino hanno domandato ai partecipanti di raccontare i loro sogni e connotarli dal punto di vista emotivo come negativi o positivi.

È emerso chiaramente l’impatto degli odori sui sogni: la colorazione emotiva dei sogni resa dai volontari era infatti positiva quando i soggetti avevano dormito immersi in un aroma buono, cattiva quando viceversa nel sonno respiravano odori cattivi.

Anche alle più scettiche, da ora in avanti, non costerà molto provarci. Oltre a dormire con le finestre aperte, cosa che quanto meno favorisce l’eliminazione dei cattivi odori notturni in camera, perché non tentare anche a profumare notti e sogni?

Avere una camera profumata aiuta a fare bei sogni