Cibi morbidi: fanno ingrassare. Passati di verdure e frullati di frutta insidiosi per la linea

Sembrano inoffensivi, così morbidi e teneri, così soffici e piacevoli al palato. E’ proprio per questo che ne mangiamo in grande quantità e velocemente, assumendo molte più calorie che se ce li trovassimo interi sul piatto. Insomma, i cibi morbidi, quelli a pezzetti e sotto forma di crema, vellutata, frullato e passato fanno ingrassare di più.
I cibi dalla consistenza morbida vengono masticati molto meno degli altri e inducono ad aumentare la velocità -o meglio, la voracità– di ingestione. E così ci ritroviamo a mangiarne in quantità molto maggiori che se fossero allo stato solido, con il risultato aggiuntivo di non farci passare la fame: è noto infatti che infatti mangiare lentamente e masticare con cura aumenta il senso di sazietà.
Sono stati due studi pubblicati sulla rivista Appetite a svelare come forma e consistenza dei cibi possano influenzare l’aumento di peso.
In particolare, i ricercatori hanno provato che i cibi più morbidi, come ad esempio le lasagne, vengono consumati facendo bocconi più grandi e masticati di meno. Se sommiamo a questo fattore anche la gustosità del piatto, il risultato è che le lasagne vengono mangiate in un battibaleno. Lo stesso vale per il purè di patate: per finirlo bastano 27 bocconi, mentre per consumare la stessa quantità di patate ci vorrebbero ben 488 masticate: pochi riuscirebbero probabilmente a finirle, con grande guadagno per la linea.

 

Fonte:

Cibi morbidi: fanno ingrassare. Passati di verdure e frullati di frutt...