Alimentazione corretta per ricominciare di slancio in palestra

L'alimentazione della palestra è molto particolare, in quanto richiede di assumere più proteine, eliminando i grassi e gli zuccheri che vengono bruciati velocemente. Ecco i dettagli

L’alimentazione per andare in palestra è molto diversa da quelle che si riscontrano giornalmente in giro per l’internet. Seppur specificando, che vi sono variabili differenti da caso a caso, la dieta giusta da tenere quando si va in palestra e si vuole aumentare la propria massa muscolare vieta quasi completamente i grassi e, in modo minore, i carboidrati che si bruciano rapidamente. Questo perché i grassi tendono a depositarsi in certe aree muscolari (nelle donne sono i fianchi e i glutei, mentre negli uomini la pancia), rendendo così più difficoltoso l’aumento muscolare tonico. D’altro canto, i carboidrati che vengono bruciati rapidamente sono sconsigliati, in quanto non apportano nulla di utile all’organismo e si consiglia di mangiarli, senza esagerare, solo e soltanto dopo aver terminato una sessione di allenamento.

L’alimentazione della palestra è finalizzata a un unico obiettivo: quello di permettere all’individuo di migliorare fisicamente. E ricordandosi che si è quel che si mangia, diventa molto più chiaro il motivo per cui bisogna eliminare alcuni cibi, preferendone, piuttosto, degli altri. In particolare si consiglia di assumere molte proteine, sia animali che vegetali. Le proteine di origine animale, mangiate poco dopo l’allenamento, vanno a influire sulla crescita muscolare, velocizzandola. Con l’apporto di nuove sostanze utili, il muscolo inizia a costruire nuovi filamenti, sia rossi che bianchi, aumentando quindi di forza e di resistenza. Al tutto viene aggiunto il consiglio di svolgere dell’adeguato riposo e di aumentare gli allenamenti d’intensità in modo graduale e senza sforzarsi troppo. Non serve passare delle intere  giornate in una palestra.

Piuttosto bastano e avanza circa un’ora e mezza ogni 3 giorni, in modo da lasciare ai muscoli del tempo per riposare. L’alimentazione della palestra serve anche a questo: ad apportare le dovute sostanze nutritive al muscolo durante la fase di riposo. Il sovraffaticamento muscolare è sconsigliato, in quanto non permette alle fibre muscolari di venir nutrite con delle adeguate sostanze. In sintesi, allenarsi troppo, oltre a poter portare a varie malattie e traumi di ogni genere, non è nemmeno utile ai fini della crescita muscolare. Durante la fase di riposo, bisognerebbe evitare di svolgere delle intense attività fisiche proprio per via delle questioni spiegate sopra. Inoltre, bisogna precisare che l’alimentazione della palestra dovrebbe cambiare anche in base ai giorni durante i quali ci si allena. Nei giorni di allenamento, è opportuno anticipare il pasto prima della sessione di training.

Questo perché, come consigliano i più svariati atleti e allenatori, bisogna andare ad allenarsi con lo stomaco completamente vuoto. Il motivo è di nuovo lo stesso: i muscoli non crescono durante l’allenamento, ma durante il riposo. Così, più si mangia durante il riposo, e più sostanze vengono apportare ai muscoli, che in tal modo godono di una crescita più rapida. In particolare viene consigliato di mangiare molte proteine vegetali e animali dopo l’allenamento. Nei giorni di riposo, invece, si consiglia di mangiare molto, ma a piccoli dosi. Rispetto al mangiare molto in pochi pasti, questo favorisce un miglior assorbimento delle sostanze da parte dell’intestino, che così vengono apportati ai muscoli in quantità maggiori. Al contrario di quanto si pensi, la dieta dell’allenamento in palestra prevedere delle colazioni piuttosto leggere.

Si consiglia d’iniziare la giornata con un bicchiere di latte e dei biscotti, del tè con alcuni panini, dei cereali o qualcos’altro di questo genere. D’altro canto, il più dei specialisti sconsiglia di mangiare pesante: la famosa English Breakfast, o le patate con cui s’inizia la giornata in Germania, sono cibi che potrebbero avere delle ripercussioni negative sullo stomaco, e quindi rallentare l’apporto di sostanze nutritive verso i muscoli umani. Molto meglio, da questo punto di vista, mangiare qualcosa che sia di facile digestione, per favorire il futuro apporto di cibi all’organismo. Nei giorni di allenamento, questo potrebbe bastare. In quelli di riposo, invece, si consiglia d’intervallare la colazione e il pranzo da un altro pasto, simile a una merenda. Niente di troppo esagerato o pesante, quindi, ma semplicemente qualche panino.

Se la sessione di allenamento è fissata per le 18,00, si consiglia di pranzare circa alle due, in modo da arrivare in palestra affamati. Lavorando verrà ancora più fame, ed ecco che, allora, si torna a casa per mangiare molto. La cena, quindi, può essere simile a un pranzo: primo, secondo, frutta, gelato, dolci, dessert, qualcosa da bere (niente birra, meglio un po’ di vino) insieme a qualche integratore alimentare o a una barretta energetica. Cosa ci può essere di meglio per una sana crescita muscolare? Andando a dormire, poi, è meglio aggiungere all’alimentazione della palestra un altro po’ di frutta: non è troppo pesante da digerire, eppure apporta all’organismo umano un variegato mix di sostanze utili, tra cui vitamine, fibre, zuccheri e talvolta persino acidi essenziali.

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Alimentazione corretta per ricominciare di slancio in palestra