Albume d’uovo per il metabolismo: benefici e controindicazioni

Ricchissimo di proteine, grazie alle vitamine del gruppo B, al magnesio e allo zinco può rappresentare un valido alleato della forma fisica

L’albume d’uovo, ossia la sostanza trasparente e gelatinosa che avvolge il tuorlo d’uovo diventando bianca e solida a seguito della cottura, è caratterizzato da proprietà che vale la pena conoscere. Prima di dettagliarle, iniziamo ricordando che 100 grammi di albume apportano circa 43 calorie, con una composizione nutritiva caratterizzata da una netta prevalenza di protidi.

Ci sono però diversi altri nutrienti degni di nota. Come evidenziato dagli esperti del gruppo Humanitas, l’albume d’uovo è caratterizzata dalla presenza di vitamine del gruppo B – nello specifico niacina, riboflavina e tiamina – notoriamente utili ai fini del miglioramento dell’efficienza del metabolismo.

A contribuire al buon funzionamento di questo importantissimo meccanismo del nostro corpo, ci pensano anche il magnesio e lo zinco. Tornando un attimo alla quota proteica che l’albume uovo permette di apportare alla dieta, è il caso di citare il fatto che si tratta di proteine di qualità molto elevata.

Da non dimenticare è poi un’altra peculiarità: l’albume d’uovo consente di ottimizzare l’apporto di diversi aminoacidi, tra i quali è possibile citare la lisina, necessaria per la formazione e la fissazione del calcio nelle ossa, ma anche la listidina e l’arginina (giusto per citare alcune tra le tante alternative).

Quando si parla dei cibi ad alto contenuto proteico, è opportuno rammentare che, come dimostrato da diverse testimonianze scientifiche tra le quali è possibile citare una revisione pubblicata nel 2004 e condotta da un team della Harvard School of Public Health, si tratta di alimenti in grado di massimizzare la termogenesi postprandiale, con ovvie ripercussioni positive sul dispendio calorico.

Un altro indiscutibile pro dell’albume d’uovo riguarda il fatto che, consumandolo, si evita, in caso di problemi cardiovascolari, di assumere lipidi e colesterolo, presenti invece nel tuorlo (a tal proposito, è opportuno far presente che quest’ultima parte dell’uovo è caratterizzata dalla presenza di sodio, un minerale che dovrebbe essere assunto tenendo conto di un dosaggio giornaliero pari a 2 mg).

Per quanto riguarda le controindicazioni al consumo di albume d’uovo, la principale riguarda l’eventuale allergia. Oggi come oggi, in letteratura medica non sono stati riportati casi di una sua interazione con l’efficacia di farmaci. Se si ha intenzione di togliersi tutti i dubbi, prima di iniziare ad assumerlo è opportuno chiedere consiglio al proprio medico curante.

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Albume d’uovo per il metabolismo: benefici e controindicazioni