Chiare fresche dolci acque, ma piene di cloro

L’acqua del rubinetto è buona, super-controllata, economica e amica dell’ambiente: ci martellano da tempo le campagne stampa. Peccato che nessuno ci ricordi che sia anche piena di cloro, il disinfettante più utilizzato fin dall”800 per eliminare i batteri dall’acqua potabile.
Eppure ci sono studi che evidenziano una pericolosissima correlazione tra presenza di cloro nell’acqua potabile e l’insorgere di malattie come cancro, arteriosclerosi, colesterolo, infarto.
Quando il cloro viene aggiunto all’acqua, esso si combina con i minerali presenti nell’acqua e forma sottoprodotti del cloro detti Trialometani (THM), che scatenano la produzione di radicali liberi nel corpo, causando danni cellulari e svolgendo col tempo un’azione cancerogena.
A detta del Consiglio Statunitense per la Qualità Ambientale (U.S Council of Environment Quality), il rischio di sviluppare un cancro nelle persone che bevono acqua con cloro è maggiore del 93% rispetto alle persone che bevono acqua senza cloro. I trialometani nell’acqua infatti, anche se in concentrazioni molto basse, sono una delle maggiori cause di tumori negli Stati Uniti (The Environmental Defense Fund).

Il cancro al seno, che colpisce una donna su otto negli Stati Uniti, è stato recentemente messo in relazione alla concentrazione di cloro nei tessuti del seno. E, da una ricerca condotta dall’ Hartford Connecticut ,emerge che “le donne con il cancro al seno hanno livelli di sottoprodotti del cloro più alti della media dal 50% al 60% rispetto a donne senza tumore al seno”. Il problema non è il cloro in quanto tale, ma i sottoprodotti che esso forma a contatto con inquinanti e altre sostanze presenti nell’acqua (sostanze organiche, foglie, ramoscelli).

I possibili danni del cloro alla nostra salute erano noti fin dagli anni ’60, tanto che il Dott. Joseph Price nel libro Coronaries/Cholesterol/Chlorine , dopo una serie di esperimenti sui polli, affermava che la causa numero uno di arteriosclerosi, attacchi di cuore e molte forme di infarto è il cloro contenuto nell’acqua domestica.

Ma esistono soluzioni casalinghe al problema, per chi non si vuole rassegnare alla schiavitù dell’acqua minerale? Pare che gli ionizzatori d’acqua con il sistema filtro di nuova generazione riescano nella duplice impresa di eliminare il cloro uccidendo virus e batteri superstiti. Pensateci se siete a corto di idee per il Natale e volete fare un regalo salutare a tutta la famiglia!


Chiare fresche dolci acque, ma piene di cloro