8 segreti di giovinezza anti-grassi

  • Diffidate degli antipasti freddi

Vi dite, a ragione, che un pasto equilibrato comporta un antipasto leggero. E fedeli a questo precetto, consumate spesso verdure crude o cotte: perfetto. Ma attente ai falsi amici, perché alcune pietanze, pur contenendo verdura, sono ricche anche di lipidi. È il caso del sedano con la maionese, della macedonia, delle barbabietole con la vinaigrette, del caviale di melanzana (e altri antipasti con olio d’oliva). Preferite pomodori, cetrioli, carote julienne, o anche un taboulé!

  • …e degli antipasti caldi!

Se preferite gli antipasti caldi, limitatene la quantità. Un pezzo di torta salata vi apporterà 40 g di lipidi. In generale, preferite gli antipasti freddi oppure optate per una zuppa!

  • Scoprite le insidie degli stuzzichini

Di certo avete il sospetto che l’aperitivo non sia proprio un modello di equilibrio. Le trappole sono tante: le olive nere sono piene di lipidi, i salsicciotti da cocktail una vera bomba (quasi 30 g di lipidi per 100 g!), arachidi, pistacchi ecc. traboccano di grassi. L’unica concessione se proprio avete molto appetito: le mandorle, che contengono grassi insaturi buoni per il colesterolo (ma non più di una manciata!). 4. Siate parche con i salumi.
Se vi piacciono i salumi, vi sarà difficile, se non impossibile, evitare i grassi, che siano o meno nascosti. Un trucco: limitate drasticamente i pasticci di qualsiasi genere e concedetevi solo qualche fetta di salame o salsiccia (5 al massimo). Il prosciutto cotto o affumicato è una scelta più giudiziosa per evitare i grassi senza perdere il gusto.

  • Imparate a scegliere le carni

In materia di carne, ci sono quelle grasse e quelle meno grasse. Un roast-beef o una bistecca di manzo (5% di massa grassa) non vi apporteranno troppi grassi. La costata o l’arrosto di vitello sono già più grassi. Idem per l’arrosto o la costoletta di maiale.
Quanto all’agnello, è una delle carni più grasse. E se optate per il pollame, sappiate che il tacchino contiene un po’ meno grassi del pollo (senza pelle).

  • Privilegiate il pesce

Il pesce rappresenta sempre un’ottima scelta dal punto di vista nutrizionale. Una sola precauzione: evitare le fritture e preferire la cottura a vapore, in brodo o al forno. Tra i pesci, il salmone è il più grasso, ma si tratta di grassi insaturi, che quindi fanno bene al cuore (acquistate di preferenza salmone non d’allevamento).

  • Limitate i formaggi

Per quanto riguarda i formaggi, spesso è una questione di quantità. Una piccola porzione da 30 g non vi riempirà di grassi. Consumate formaggi come il caprino fresco, lo stracchino, il quartirolo o il camembert.

  • Selezionate i dolci

I dessert vi forniscono generalmente più zuccheri che grassi. In ogni caso, il modo migliore per evitare le calorie e terminare il pasto in modo equilibrato è mangiare un frutto. In alternativa, potete optare per una composta di frutta, oppure per una crema o ancora per uno yogurt, che non sono troppo ricchi di grassi. Tuttavia, alcuni dolci contengono una quantità di lipidi non trascurabile: bigné, tiramisù, pasticcini e torte.

8 segreti di giovinezza anti-grassi