Viaggio alla scoperta dei backstage delle sfilate: cosa succede dietro le quinte?

Camilla Cantini

Camilla Cantini Beauty blogger

Quando si parla di sfilata spesso ci si immagina solamente a grandi linee tutto il lavoro che c’è dietro. Il backstage, infatti, è un calderone di esperienze, emozioni e persone al lavoro per portare in scena il grande show finale. E come ogni spettacolo che si rispetti, tante sono le figure coinvolte, alcune più importanti, altre che lavorano silenziosamente ed ancora meno sotto i riflettori, ma tutte estremamente importanti.

Altaroma è la settimana della moda della capitale, che ogni anno vede protagonisti giovani designer ed emergenti, con le loro collezioni tutte da scoprire. Ma dietro alla sfilata finale, al prodotto finito che lascia tutti con il fiato sospeso durante i momenti del defilé, dietro alla scoperta di creazioni sartoriali, creatività, estro, innovazione e tecnologia, c’è una vera catena di montaggio. Operano silenziosamente sarte, makeup artist, hair stylist, vestieristi, stylist, tecnici delle luci, del suono, modelli e tante figure essenziali per l’ottima riuscita dell’evento.

Fonte: Ufficio Stampa

Mi capita spesso di prendere parte al backstage di una sfilata, come makeup artist, e conosco bene le emozioni e le sensazioni che solo il dietro le quinte sa regalarti. Ansia, fretta, adrenalina, creatività, collaborazione e talvolta qualche momento di stanchezza e qualche intoppo che ti spronano a dare sempre il massimo. Si inizia, giorni prima della sfilata, con il fitting ai modelli e modelle, per verificare che gli abiti calzino ed apportare qualche modifica, sotto le sapienti mani delle sarte, che rifiniscono i capi creati dai designer in base a chi dovrà indossarli.

Il giorno della sfilata arriva e la call inizia anche molto presto; tanti modelli, infatti, partecipano a più di una sfilata e devono correre da una location all’altra, per poter calcare la passerella sia al mattino che al pomeriggio. Iniziano così i preparativi, e dopo le prove ci si avvia alla postazione makeup e hairstyling. Niente viene lasciato al caso, il capo truccatore convoca tutti i makeup artist e così fa l’hairstylist con il suo team: è il momento di scoprire i mood pensati dai key makeup artist per ogni sfilata ed è il momento di coordinare ed organizzare il lavoro tra makeup artist e hairstylist. Non c’è tempo da perdere: il primo gruppo inizia dal makeup mentre il secondo dai capelli, poco tempo per ogni modella, i makeup si fanno veloci, freschi, spesso naturali ma quasi sempre con un dettaglio che cattura l’attenzione: glitter, colori metallici, occhi intensi, sopracciglia biondissime, bocche colorate. Ogni makeup artist è focalizzato sul proprio lavoro e sul proprio modello, senza parlare, sapendo precisamente i passaggi da eseguire perché illustrati precedentemente durante la demo. E così anche per gli hairstylist. È un momento intenso, perché tutti sanno che, allo scadere del tempo, tutto deve essere completato, altrimenti il lavoro rimarrà a metà, perché non esistono i cinque minuti in più, come quando ce li dedichiamo al mattino prima di svegliarci. Non mancano momenti di tensione, modelle e modelli in ritardo, che non si trovano perché magari al telefono, a fumare una sigaretta, a mangiare qualcosa e, a volte capita, addormentati in un angolino per colpa dei ritmi frenetici.

Fonte: Ufficio Stampa

Parte il rush finale per gli ultimi preparativi, i modelli vengono vestiti dai vestiresti che hanno pronti davanti a loro le foto dei ragazzi assegnati, tutti gli abiti e le sequenze delle varie uscite. Anche questo è un momento di grande intensità, bisogna agire in velocità, soprattutto tra un cambio e l’altro, prestando attenzione a non rovinare i capi, spesso delicati e maestosi. E poi di nuovo loro, le sarte, per ultimare le rifiniture o correggere qualche problema sorto sul momento. 

E poi via. Parte la musica, mixata e selezionata dai tecnici del suono, si accendono le luci create dai tecnici delle luci per enfatizzare gli abiti, le texture, i materiali, i colori ed i riflessi dei tessuti. Il tutto scandito dal click incalzante delle macchine dei fotografi, che scattano continuamente, ad ogni passo, ad ogni uscita, ad ogni modello. Congelano attimi di sfilata che verranno poi pubblicati sulle maggiori testate, sul web, sui social, sui siti dei designer e delle case di moda. E se ciò che vediamo in passerella è grazia e leggiadria, riparte la corsa frenetica dietro il backstage. Il cambio urgente di outfit alla modella, il ritocco ultra rapido ai capelli ed al makeup e via, si riparte, fino all’ultimo cambio. La musica poi si abbassa, si accendono le luci ed il momento è tutto per il designer, che esce a prendere il suo bagno di folla e gli applausi, dedicati a lui ma a tutto il team che ha saputo dar vita alle sue creazioni.

Camilla Cantini

Camilla Cantini Beauty blogger Sono Camilla, makeup-artist freelance con la passione per la moda e l’arte. Ho iniziato ad avvicinarmi al mondo beauty come autodidatta per poi specializzarmi, lavorando per shooting, sfilate e magazines di settore. Amo creare look sempre diversi, ricercare nuovi trend e confrontarmi giornalmente con chi mi segue con affetto!

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Viaggio alla scoperta dei backstage delle sfilate: cosa succede dietro...