Sorriso splendente e bianchissimo: ecco come averlo

Un sorriso da star? Tra cure quotidiane e qualche accorgimento di mani esperte, ecco cosa fare

Chi non vorrebbe un sorriso aperto e seducente come quello di Julia Roberts? Non tutte lo possono sfoggiare – e anche assicurare, visto che il suo vale un risarcimento di 22 milioni di dollari – con sicurezza poiché un bel sorriso è anche una questione genetica, ma oggi ci sono metodi e tecniche che garantiscono denti perfetti, a iniziare dalla brillantezza, che richiede una cura quotidiana. Ecco qualche consiglio.

Abitudini da evitare

Per iniziare la giornata con il buonumore non c’è niente di meglio che un buon caffè e così anche per ingranare sul lavoro. L’importante è non esagerare – nemmeno con il tè – sia per i noti effetti sulla pressione e sul cuore, sia per le macchie sui denti che potrebbe provocare. Perciò ricordati che dopo un buon caffè potrebbe essere necessario passare velocemente lo spazzolino da denti con un dentifricio non abrasivo ma efficace. E a proposito di abitudini, anche il fumo è deleterio per lo smalto dei denti.

Alimenti pro-smalto

Ci sono cibi che, al contrario, hanno un effetto sbiancante e che è bene inserire nella dieta quotidiana: ti stupirà sapere che non sono solo la mela e l’aceto di mele ad essere efficaci, ma anche menta, salvia, prezzemolo, broccoli, mandorle, noci, sedano, semi di sesamo e fragole. Puoi variare la dieta inserendo ogni giorno qualche alimento di questo genere, almeno per bilanciare le entrate di caffè che, si sa, sono irrinunciabili.

Pulizia dei denti

La pulizia dentale dovrebbe seguire la regola del 3×3: tre volte al giorno per tre minuti di sessione, e deve seguire una routine precisa: spazzolino (da muovere dalle gengive ai denti per togliere la placca batterica), filo interdentale e scovolino da utilizzare almeno una volta al giorno. Ogni 6 mesi è bene recarsi dal dentista sia per verificare la presenza di carie, sia per pulire in modo professionale e togliere l’eventuale placca. Un decalogo per avere denti perfetti lo puoi trovare qui. Sfatiamo una tradizione leggendaria: da evitare assolutamente lo sfregamento con bicarbonato di sodio, che sbianca, ma può rovinare lo smalto dei denti.

Dentifrici sì o no?

Per pulire in modo soddisfacente i denti basterebbe usare lo spazzolino con costanza: ma il profumo gradevole e fresco del dentifricio è sicuramente un incentivo. I bambini, per esempio, appena sentono il profumo di fragola e lamponi si armano di spazzolino. Sui dentifrici però si aprono parentesi: ci sono quelli a base di erbe vegetali come menta, salvia e malva e con fluoro per contrastare la formazione della placca, che possono essere utilizzati anche spesso, mentre i dentifrici sbiancanti vanno usati con cautela. Sono prodotti più aggressivi che incidono sullo smalto dei denti e quindi vanno usati con parsimonia per periodi limitati.

Sbiancamento dei denti

Esistono dei trattamenti specifici a base di perossido di idrogeno o perossido di carbammide che servono a sbiancare i denti: in pochi minuti il principio viene attivato e l’effetto ha una durata di circa un anno. Altra cosa che un dentista può proporre è l’utilizzo delle faccette dentali o veneers: sono dei rivestimenti di ceramica che si sovrappongono ai denti e ne migliorano anche l’aspetto estetico, se ci fossero difetti o problematiche irreversibili. Lo sai che anche Morgan Freeman, Miley Cyrus e Blake Lively sono degli affezionati di questa tecnica?

Prodotti pro smalto

Esistono poi prodotti che possono aiutare a sbiancare i denti come la penna sbiancante a base di perossido di idrogeno (lo stesso principio utilizzato dai professionisti del settore) che ha un effetto della durata di circa un mese e prodotti che invece cercano di contrastare il processo di erosione dei denti che avviene anche solo durante la masticazione. In questi casi è bene seguire attentamente le istruzioni prima di usarli.

Come valorizzare un sorriso?

Se i denti sono bianchi, puoi usare il make up che preferisci passando dal rosa al rosso con nonchalance, se invece i tuoi denti tendono al giallo è meglio usare lucidalabbra molto luminosi piuttosto che opachi, evitare assolutamente colori che non si stacchino dalla colorazione del dente – dimentica l’albicocca e l’arancio, ma anche il nero o il viola – e preferire dei colori rosati o rossi decisi che li faranno sembrare più bianchi.

© Italiaonline S.p.A. 2019Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Sorriso splendente e bianchissimo: ecco come averlo