Sai davvero che cos’è lo smalto semi permanente?

Lo smalto semi permanente, una delle più recenti rivoluzioni del mondo dell'estetica, sta conquistando migliaia di donne. Scopriamo insieme quali vantaggi offre

Chi non ha mai adorato avere mani e unghie ben curate? E quale miglior strumento dello smalto? Ci permette di essere creative ma allo stesso tempo ordinate. Tuttavia il normale smalto resiste solo pochi giorni: difficilmente noi donne non utilizziamo le nostre mani, e basta un attimo per rovinare lo smalto attentamente steso. Come risolvere allora questo problema? Una risposta è sicuramente quella di ricorre a uno smalto semi permanente che, se applicato correttamente, resiste perfettamente per circa tre settimane. Ma come funziona esattamente?

Esso non è uno smalto normale ma neanche un gel usato per la ricostruzione unghie, a dirla tutta, potremmo benissimo definirlo come un mix fra i due. Molto facile da stendere, ha una durata decisamente maggiore rispetto a quella di un comune smalto ed è solitamente presente in commercio con tantissime varietà di colori. Inoltre, a differenza di una ricostruzione unghie, la stesura di tale tipo di prodotto potrà avvenire tranquillamente a casa nostra, basta disporre di una lampada UV e di un po’ di pazienza!

Ecco l’occorrente per ottenere una perfetta manicure direttamente a casa nostra. Per prima cosa, come già detto, è necessaria una lampada UV che permetterà allo smalto di asciugarsi. Serviranno poi un gel base, un gel fissante e ovviamente il gel colorato. Infine mai dimenticarsi di acquistare un adeguato prodotto per rimuovere lo smalto. Il costo per l’ acquisto di tutta l’attrezzatura necessaria varia dai quaranta ai sessanta euro circa. Pensando che un trattamento a base di smalto permanente in un certo estetico può costare dai 15 ai 35 euro, facendoci la manicure a casa potremmo avere un risparmio non indifferente!

Ma a chi è adatto questo trattamento? Per prima cosa, le unghie devono essere sufficientemente lunghe e non bisogna essere affette da onicofagia (ingerire lo smalto applicato sulle unghie potrebbe rivelarsi dannoso per la salute). Se non si ama, poi, la bombatura tipica che lascia la ricostruzione delle unghie, conviene farsi applicare uno strato di smalto semi permanente. Infine, se si teme che la limatura delle unghie che precede il trattamento della ricostruzione possa rovinarle, meglio affidarsi a questa procedura.

Ricordiamo poi che qualche effetto collaterale può presentarsi a seguito dell’ applicazione di smalto semi permanente: alcune reazioni allergiche possono essere abbastanza comuni, oltre al fatto che, comunque, le unghie saranno sottoposte a uno stress, dovuto all’utilizzo di frese e lime per la rimozione dello smalto stesso.

Immagini: Depositphotos

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Sai davvero che cos’è lo smalto semi permanente?