Make up delle feste: i consigli di Simone Belli

Occhi, labbra, strobing gold (attente a non esagerare), ritocchi dell'ultimo minuto e il segreto per avere un aspetto fresco e riposato anche quando si è ko. L'esperto ci rivela i suoi segreti

Come realizzare il make up delle feste di fine anno? Lo abbiamo chiesto nientemeno che a Simone Belli, National Make-up Designer L’Oréal Paris nonché volto televisivo (lo vediamo in azione a Detto Fatto di Caterina Balivo). Nessuno meglio di lui poteva consigliarci su come truccare occhi e labbra per pranzi, cene, veglioni e non dimentichiamoci del post bagordi, quando apparire fresche e riposate sembra un’impresa impossibile… ma con le dritte di questo super artista del trucco diventa un gioco da ragazze.

Simone, iniziamo partendo da un trucco da giorno, da sfoggiare per Natale
La tendenza del momento, sia bella a vedersi che indossabile, è lo stile nude gold. Si tratta di un nude look con strobing gold: l’occhio si veste di una bordatura nera fatta con un eyeliner sfumato, poi procediamo con pennellate bronzo che arrivano a illuminare alle tempie. Completiamo il tutto con mascara rigorosamente esagerato e labbra nude, morbide, cremose e luminose. L’altra tendenza occhi, decisamente più impegnativa da indossare, è quella red & gold che come dice la parola stessa gioca sui toni del rosso e dell’oro. Ma diciamocelo, non se lo può permettere quasi nessuna a parte le modelle delle campagne pubblicitarie.

Per la sera, che trucco possiamo sfoggiare?
Per la sera possiamo scegliere di puntare sulle labbra con una bocca rossa, dipinta da una lacca con microperle all’interno. Oppure possiamo puntare sullo sguardo, con uno smokey eyes nero intenso, utilizzando il kajal per dare profondità, e andiamo ad applicare all’attaccatura delle ciglia superiori dei microglitter neri. Vale la regola che l’uno esclude l’altro, ovvero o si mettono in risalto gli occhi oppure le labbra. Si può fare un’eccezione che concedo alle più audaci, ed è la notte del Veglione. Ovviamente bisogna dosare bene il tutto, anche sposando il trucco con l’outfit, altrimenti diventa too much. Ricordiamoci di indossare un fondotinta ad alta tenuta!

Il trucco dorato, luminoso, è adatto a tutte le età?
Oggi non esiste più una vera età di riferimento. Pensiamo che si sono delle 60enni talmente ben tenute e curate (o ritoccate!) che sembrano meglio di certe 20enni. Comunque in linea di massima la troppa “perlescenza” è sconsigliata alle pelli troppo segnate. Per queste pelli mature consiglio una perla leggera, come un fluido da applicare con un pennello, senza esagerare con la quantità. Quando il contorno occhi è segnato, a qualsiasi età, meglio puntare su un fluido con un leggero potere illuminante, per non creare spessore e mettere in evidenza le rughette.

Tra pranzi interminabili, cene e cenoni, potremmo avere la necessità di un trucco che ci faccia apparire riposate anche se non lo siamo
Suggerisco di mettere, appena sveglie, delle lattine gelate sotto gli occhi perché aiutano a drenare e tolgono la stanchezza. A seguire correttore come se piovesse. Poi riproponiamo il trucco da giorno di cui parlavamo prima, togliendo però l’oro: riproduciamo un nude look sofisticato con bordatura sfumata sugli occhi. Infatti se diamo profondità all’occhio otterremo l’effetto di farlo sembrare meno stanco. Non dimentichiamoci l’immancabile mascara e un po’ di blush che dona quel tocco bonne mine.

Come prenderci cura delle pelle che si secca a causa del freddo?
Se la pelle è super sensibile io consiglio un prodotto da farmacia che si chiama Homéoplasmine, una pomata ricca di vaselina e calendula che usiamo molto anche quando trucchiamo le modelle per le sfilate, ma anche per gli arrossamenti da pannolino nei bimbi. Non costa molto. Consiglio di fare bell’impacco la sera per ottienere un’idratazione ottimale, oppure se la pelle è tendenzialmente molto secca la si può usare anche come base trucco, perché dona quel bell’effetto translucido che nei servizi di moda si usa tanto. Ricordiamoci che per prevenire i danni da freddo il fondotinta diventa un ottimo alleato per proteggere la pelle, così come un prodotto che vada a idratare e proteggere le labbra in profondità. Il migliore prodotto in commercio secondo me è il lip balm de La Mer, che ha un prezzo abbastanza alto ma è davvero buonissimo. Un’altro ottimo prodotto lenitivo, non troppo caro, è l’aloe zinc spray di Canova. Contro i rossori invece c’è la Calendula & Aloe Mask di Kiehl’s da fare prima del trucco o la sera, da tenere tutta la notte dopo aver tamponato il prodotto in eccesso.

Come possiamo realizzare un ritocco del make up veloce?
Consiglio un perfezionatore primer in mousse per ridare luminosità e compattezza all’incarnato. Poi un matitone mat rosso per colorare le labbra. Mat perché è più gestibile e portabile da tutte, in qualsiasi fascia oraria.

In un’intervista hai dichiarato «Amo i difetti, sono quelli che caratterizzano il volto». Quindi è sbagliato volerli nascondere a tutti i costi?
A volte voi donne siete talmente ossessionate dalla bellezza artefatte delle copertine dei giornali che sognate di diventare così nella vita di tutti i giorni, senza pensare che le modelle stesse senza quel trucco e quelle luci di certo non sono così. L’ossessione di annullare totalmente un difetto caratterizzante spesso porta a diventare la caricatura di se stesse. E questo vale anche per gli uomini. Un’occhiaia si maschera ma non la si fa diventare una patina di fondotinta.Un naso spigoloso e importante se armonizzato sul volto può essere interessante, non brutto. Tanto è vero che spesso chi si sottopone a una rinoplastica poi ne perde in personalità. Alcuni difetti giocano in un mix di armonie che vanno rispettate, al limite aiutate ma non stravolte. Ed è il motivo per cui odio il contouring del naso. La regola è armonizzare e sfruttare, mai cancellare. Una donna alta 1 metro e 40 con 20 centimetri di tacchi non diventa più alta ma più ridicola, anzi mette ancora più in evidenza che non è alta.

Seguiamo i tutorial che proponi a Detto Fatto. Raccontaci un po’ di Caterina Balivo, che adoriamo
Caterina è una bellezza classica molto lontana dalle donne che amo truccare, che sono bianche come il latte, come Carolina Crescentini per un esempio. La Balivo è una bella donna e una professionista assurda, capace di gestire un programma complicatissimo come Detto Fatto, e lo fa come se fosse una diretta tutti i giorni. Io personalmente la truccherei diversamente, la “sporcherei” un po’ di più, le dico sempre che mi piace quando ha i capelli un po’ arruffati. Ma il suo in realtà è un trucco televisivo, perfetto già così com’è.

Simone Belli, make up artist

Quanto ti piace la televisione?
Amo la tv, mi è sempre piaciuta. Cambierei quello che faccio solo per fare televisione. Tanti anni fa per puro caso ho fatto anche il presentatore insieme a un’amica. L’occasione era una sfilata tenutasi a L’Aquila davanti a migliaia di persone… doveva condurla un mio amico ma all’ultimo ha dato buca. Ma tranquille, non lascerò mai il mio lavoro.

Fonte: DiLei

Make up delle feste: i consigli di Simone Belli