Struccare e detergere la pelle: i migliori prodotti e accessori da provare nel 2021

Struccarsi è un passaggio fondamentale per avere una pelle perfetta, ecco eccome farlo al meglio

Camilla Cantini Beauty blogger

Si parla sempre di cura della pelle, delle nuove uscite cosmetiche, di creme e sieri miracolosi per tornare indietro nel tempo, ma si dà sempre poco spazio ad uno degli step più importanti: la detersione. Struccare la pelle e pulirla a fondo, soprattutto alla sera, è importante per fare in modo che ciò che si applicherà successivamente possa penetrare ed agire al meglio. Non solo, una corretta pulizia del viso è alla base anche di un trucco perfetto, previene imperfezioni, rughe ed regala un incarnato spento.

Specie chi si trucca frequentemente dovrebbe prestare particolare attenzione a come e con cosa ci si strucca, per evitare di irritare la pelle e creare micro abrasioni, che potrebbero compromettere la sua salute. La scelta ricade non solo sul prodotto ma anche sugli accessori de utilizzare per mantenere la pelle detersa, pulita e sana.

123RF

Bandite le salviette struccanti, salve solo in caso di necessità

Le salviette struccanti sarebbero da abolire per due motivazioni, una dal punto di vista ambientale, l’altro per il benessere della pelle. Infatti, essendo usa e getta, producono una grande quantità di rifiuti e spesso e volentieri non è possibile riciclarle. Per tutto il viso ne vengono utilizzate una o due, in caso di makeup più complessi e si gettano nell’indifferenziato, spesso poi sono realizzate in materiale che potrebbe contenere microplastiche. Se proprio non riuscite a farne a meno, meglio optare per quelle biodegradabili, ricordandovi di gettarle poi nel contenitore dell’umido.

123RF

Le salviette però non sono solo dannose per l’ambiente, ma anche per la pelle. Infatti risultano essere troppo abrasive, sia per il tessuto di cui sono composte, sia per l’azione meccanica di sfregamento che si compie in fase di detersione. Questo potrebbe portare, in pelli sensibili ma non solo, ad un arrossarsi della pelle. Per non parlare delle salviette con scrub incorporato, davvero troppo abrasive, che rischiano addirittura di creare micro abrasioni.

Sostituire i dischetti struccanti usa e getta con quelli ecologici è la scelta da fare nel 2021

Sono forse i più utilizzati per struccarsi: i dischetti struccanti rappresentano davvero una fonte di inquinamento se si pensa a quanti se ne utilizzano. Fare degli impacchi, passare il tonico, struccarsi o togliere lo smalto sono solo alcune delle azioni che compiamo abitualmente con questi piccoli frammenti di cotone. Quando va bene, perché non tutti sono composti di puro cotone, spesso presentano materiali misti, ancora più inquinanti. Come per le salviette, poi, non vengo riciclati in alcun modo, a meno che non riportino sulla confezione la dicitura biodegradabili.

123RF

Una valida alternativa, peraltro molto più economica, è quella di utilizzare i dischetti ecologici in fibre naturali, ad esempio bambù. Si utilizzano nella stessa maniera di quelli classici ma con la differenza che questi sono riutilizzabili. Una volta struccati basterà lavarli sotto l’acqua con del sapone o riporli da parte e lavarli in lavatrice, avendo cura di riporli in una retina per non perderli e non far intasare il filtro. Sono decisamente più morbidi e perfetti quindi per la zona delicata del contorno occhi, ma si possono utilizzare anche per passare il tonico o togliere le maschere viso, riducendo così anche il consumo di acqua. Se paragonati alla spesa per dischetti struccanti classici usa e getta ed al fatto che durano molti anni, il risparmio è notevole. Per chi invece preferisce dimensioni maggiori esistono anche i panni, simili a quelli in microfibra, ma di fibre naturali ed ecologiche.

123RF

Acqua micellare, struccante e bifasico, due grandi classici intramontabili

Gli struccanti più classici in commercio sono senza dubbio l’acqua micellare e lo struccante bifasico per i makeup a lunga tenuta. Oggigiorno esistono davvero tante tipologie di prodotto, adatte ad ogni esigenza e ad ogni pelle. Le acque micellari svolgono la funzione del sapone (e in parte lo sono) ma sono pensate esclusivamente per struccare e detergere il viso, rispettandone così il PH. Ne esistono ormai per pelli sensibili, secche o grasse, in modo da non stressare la pelle neanche in questa fase delicata che precede la skincare vera e propria. Gli struccanti bifasici invece risultano essere un po’ più aggressivi, perché devono sciogliere anche il trucco più resistente e waterproof. Ecco perché andrebbero utilizzati solo nel caso in cui si utilizzino prodotti davvero difficili da sciogliere, per non rischiare a lungo andare di indebolire le ciglia. Va comunque specificato che, anche in questo campo rispetto ad anni fa le formulazioni risultano molto più funzionali e delicate, anche per un utilizzo quotidiano.

123RF

Gli oli struccanti e la doppia detersione, il metodo più delicato per struccarsi

Il metodo più delicato per struccare il viso rimane senza dubbio la doppia detersione che si avvale di due tipologie di prodotti differenti. Il primo step prevede l’applicazione di un olio, di un burro struccante o di una sostanza che riesca a sciogliere il trucco, senza dover sfregare. Il prodotto scelto va infatti massaggiato sugli occhi e sul viso, avendo particolare cura nella zona delle ciglia, facendole passare tra i polpastrelli per sciogliere delicatamente ogni residuo di trucco.

Una volta terminato il primo step e sciolto tutto il trucco è il momento della fase due della detersione, che prevede l’utilizzo di un prodotto schiumogeno. Prima di procedere, però, il consiglio è quello di sciacquare il viso per levare una buona parte di prodotto oleoso. Così facendo si utilizzerà meno detergente, risparmiando in prodotto ma soprattutto rendendo la pulizia del viso ancora più delicata. Tra i prodotti da scegliere i più quotati sono solitamente gel, mousse o saponi specifici per il viso, in grado di rimuovere il prodotto untuoso ma anche eventuali residui di trucco. Molti si possono utilizzare, in caso di trucchi molto leggeri, anche direttamente senza procedere con la fase oleosa, attenzione però che sia specificato un utilizzo adatto anche agli occhi.

123RF

Le spazzole meccaniche per la pulizia del viso, l’accessorio in più da avere

Non servono propriamente per struccarsi, ma le spazzole di pulizia del viso sono un accessorio da regalarsi per una detersione ancora più ottimale. Ne esistono di varie tipologie, rotanti o a pulsazioni soniche, le ultime più delicate. Tra le vibrazioni, le pulsazioni e i particolari dentini o setole di cui sono composte, la pelle risulta pulita e detersa in profondità. Si vanno così ad eliminare residui non solo di trucco, ma di untuosità naturale della pelle, sporcizia ed accumulo di tossine e smog, depositati sul viso durante la giornata. Inoltre sono perfette per un massaggio stimolante e riducono notevolmente l’aspetto della grana della pelle e dei famigerati punti neri.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Struccare e detergere la pelle: i migliori prodotti e accessori da pro...