Come scegliere il deodorante più adatto per evitare i cattivi odori

Spesso si tende a sceglierlo in maniera casuale o in base al profumo, ma il deodorante andrebbe acquistato come un vero e proprio cosmetico

Camilla Cantini Beauty blogger

È un prodotto usato ogni giorno, assiduamente, ma a cui quasi nessuno presta attenzione. Il deodorante, infatti, viene spesso scelto sugli scaffali del supermercato in base alla confezione o al profumo e, solo in casi specifici, in farmacia. In realtà andrebbe considerato come un vero e proprio trattamento cosmetico, al pari di una crema viso. Non tutti, infatti, hanno la stessa pelle o lo stesso tipo di sudore.

Deodorante o anti-traspirante?

Innanzitutto è bene chiarire che il cattivo odore prodotto dalle ascelle non è dato dalla sudorazione, che di per sé è inodore. Il vero problema sono i batteri che si formano in un zona spesso umida, specie in estate. Punto fondamentale, quindi, è detergerle correttamente quotidianamente, anche più volte al giorno. Rimane il fatto, però, che non sempre è possibile farlo per diverse ore e quindi un buon deodorante deve garantire una sensazione di freschezza e pulito a lungo.

Fonte: 123rf

Uno sbaglio che spesso si compie è quello di acquistare prodotti che bloccano la sudorazione, i cosiddetti anti-traspiranti. La traspirazione, però, è una funzione essenziale per l’organismo perché serve a riequilibrare la temperatura corporea ed eliminare tossine. A lungo andare questi prodotti occludono le ghiandole sudoripare ed i pori e potrebbero causare l’ingrossarsi dei linfonodi, irritazioni, arrossamenti e prurito. Andrebbero quindi evitati o relegati ad un utilizzo sporadico, magari durante un’occasione in cui è necessario non sudare o farlo il meno possibile.

La funzione del deodorante, invece, non è quella di non far sudare, ma di ridurre la proliferazione batterica e contrastare il cattivo odore. Per fare questo, però, si pensa che deodoranti molto profumati siano l’ideale, quando in realtà potrebbero peggiorare la situazione. Infatti, spesso sono in base molto alcolica e, oltre a grandi quantità di profumo, non hanno sostanze attive che riescono a contrastare la loro formazione. Meglio scegliere prodotti a PH neutro e formulazioni non aggressive, ben bilanciate. 

Fonte: 123rf

Quali ingredienti deve contenere un buon deodorante?

Tra le sostanze più performanti ci sono i sali di alluminio, che hanno un effetto anti-traspirante ma che usati in piccole quantità non causano problemi. Per quanto riguarda la loro sicurezza i dermatologi non hanno dubbi in merito e sembrerebbe scongiurato ogni rischio di tumore al seno dovuto a questo componente. Altro attivo efficace nel contrastare batteri e cattivi odori, poi, è il bicarbonato, ma non utilizzatelo direttamente puro sulle ascelle, perché potrebbe avere un’azione troppo aggressiva ed abrasiva e macchiare i vestiti.

Quale tipologia di deodorante scegliere?

Esistono molte tipologie di deodoranti e non è sempre facile scegliere quale utilizzare. I più comuni sono i deodoranti spray, che hanno il vantaggio di essere erogati e quindi diffusi in una zona ampia. Si tende però ad applicarne in grossa quantità, perché sembra di non averlo messo e finiscono per terminare in fretta. Spesso, poi, sono molto profumati e bisogna stare attenti agli ingredienti perché potrebbero non essere particolarmente efficaci.

Fonte: 123rf

I roll on e i deodoranti in stick hanno il vantaggio di essere applicati in maniera più localizzata e durano molto più a lungo, senza necessità di riacquistarli in continuazione. In base alla sensibilità della pelle ed agli ingredienti, però, potrebbero causare irritazioni ed occludere troppo i pori della pelle, peggiorando così anche il cattivo odore. Aiutano però dal punto di vista della traspirazione, quindi si tende ad sudare un po’ di meno. 

I deodoranti in crema, a parte quelli naturali, sono spesso indicati invece per chi soffre di iperidrosi. Quasi sempre però sono dei veri e propri anti-traspiranti e quindi inibiscono la produzione di sudore, non vanno quindi utilizzati da chi non ha problemi di eccessiva sudorazione.

Fonte: 123rf

Deodoranti naturali: sono davvero la soluzione?

Sempre più persone scelgono deodoranti naturali, con una lista di ingredienti più attenta all’ambiente e senza derivati chimici. Possono essere un’ottima scelta, ma attenzione ad alcune sostanze che potrebbero comunque essere irritanti e attenzione al fai da te. Ne esistono diverse tipologie, partendo da quelli in crema, adatti per pelli secche e sensibili, perché oltre a contrastare i cattivi odori, contengono ingredienti nutrienti ed idratanti. Facili da reperire sono poi quelli solidi, la scelta più attenta all’ambiente perché privi di packaging, da passare sotto le ascelle appena deterse. Più particolari i deodoranti in polvere:se ne applica una piccola quantità sulle mani e poi si passa sotto le ascelle. In ultimo esistono anche i classici deodoranti spray che però potrebbero contenere alcool e risultare più aggressivi, controllate quindi la lista degli ingredienti.

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Come scegliere il deodorante più adatto per evitare i cattivi odori