5 trucchetti e consigli per mantenere e sublimare l’abbronzatura

Ecco come mantenere e non rinunciare all'abbronzatura, neanche al rientro dalle vacanze!

Camilla Cantini

Camilla Cantini Beauty blogger

Ferie finite, si torna alla solita routine, a scuola, all’università, o in ufficio. E non solo con la testa ancora sogniamo spiagge fantastiche, mare azzurro, una fuga culturale in una città d’arte o lunghe passeggiate in montagna, ma anche la nostra pelle ne porta i segni. 

L’abbronzatura, tanto sudata e conquistata con tanto impegno, sembra ormai allontanarsi, il colorito si spegne, iniziamo a spellarci… eh no! Vi sveliamo come farla durare il più a lungo, per godere ancora un po’ di una tintarella luminosa, per sfoggiare gambe, braccia, décolleté e viso abbronzati, almeno finché non arriverà il primo freddo.

Utilizzare prodotti specifici, delicati e nutrienti, anche sotto la doccia

C’è chi dice che un prodotto da doccia valga l’altro, ma non è proprio così. È vero che il bagnoschiuma è un prodotto che sta a contatto con la pelle molto poco, ma tanto è sufficiente per seccarla o irritarla. Meglio prediligere prodotti senza tensioattivi aggressivi, che non contengano alcool e che siano ricchi di sostanze nutrienti, vitamine e attivi idratanti, per non attaccare il film idrolipidico della pelle. L’ideale sono gli oli lavanti, delicati ed estremamente nutrienti.

Evitare bagni troppo lunghi, per mantenere l’abbronzatura meglio una doccia

Chi non è fan di un momento di relax che solo un bagno caldo sa dare, magari con delle candele profumate a bordo vasca e sali profumati inebrianti? Meglio però rimandare ad ottobre ed alle prime serate piovose. Il bagno caldo, infatti, specie se prolungato, è nemico dell’abbronzatura, perché aumenta l’esfoliazione della pelle, che quindi si rinnoverà più velocemente. No anche ai bagni in piscina, ricca di cloro e disinfettanti, che ci proteggono da infezioni ma tendono a sbiancare la pelle ed a farle perdere il suo colorito.

Esfoliazione sì, ma delicata

Altro step importante è quello dell’esfoliazione. È vero, sembra strano utilizzare un prodotto per eliminare le cellule morte e strofinare la pelle… Non si rovina l’abbronzatura così? Purtroppo non possiamo arrestare il naturale processo di rinnovamento cellulare ed è quindi meglio avere un’abbronzatura che degrada lentamente, piuttosto che rimanere scuri ma a chiazze perché ci stiamo spellando. 

L’importante è usare prodotti molto delicati, non aggressivi, ricchi di attivi emollienti ed idratanti. Uno semplice, fai da te, si può realizzare utilizzando zucchero bianco ed olio di mandorle dolci. Si mescolano i due ingredienti insieme e si passa il composto sulla pelle bagnata. Lo zucchero ha un’azione esfoliante delicata perché a contatto con la pelle, specie se calda, tende a sciogliersi mentre l’olio rimarrà sulla pelle anche una volta sciacquato.

Parola d’ordine: idratazione!

Il nemico numero uno dell’abbronzatura è la disidratazione, che porta la pelle a seccarsi ed a spellarsi. Non solo la pelle spellata è antiestetica, ma c’è il rischio che lasci macchie e chiazze più chiare! Prevenire è meglio che curare, quindi via libera a creme idratanti ed oli specifici, attenzione però che non contengano alcool tra i primi ingredienti, perche irrita e secca la pelle, andando ad inficiare l’attività degli altri principi attivi. 

A volte imbrogliare è concesso… ecco qualche trucchetto per sublimare l’abbronzatura

Oggi esistono in commercio autoabbronzanti molto naturali, che regalano una finta abbronzatura impossibile da scoprire. Se però non volete ritrovarvi scure dall’oggi al domani, o se volete usare questo trucchetto per mantenere più a lungo la vostra abbronzatura, potete miscelare l’autoabbronzante alla vostra crema idratante. Così facendo, applicandola tutti i giorni, l’effetto sarà estremamente realistico e non noterete che, piano piano, la vostra naturale vi sta salutando.

Fonte: PaolaP MakeupSephora

Un altro trucchetto consiste nello sfruttare il makeup a nostro favore: via libera ad oli illuminanti o illuminanti liquidi, da spalmare in piccole quantità su braccia, gambe e décolleté. Le particelle riflettenti ed i micro glitter presenti all’interno riflettono la luce, sublimando il colorito dell’incarnato. Gli oli illuminanti, poi, spesso e volentieri sono leggermente colorati, per uniformare ancora di più la pelle. 

Ed anche il bronzer viene in nostro aiuto per scaldare il viso, regalandogli un effetto “bonne mine” come dopo una giornata al mare. Per enfatizzare ancora di più l’abbronzatura, poi, un’altra astuzia è quella di indossare il più possibile capi bianchi; per contrasto, è facile apparire subito con un incarnato più scuro!

Camilla Cantini

Camilla Cantini Beauty blogger Sono Camilla, makeup-artist freelance con la passione per la moda e l’arte. Ho iniziato ad avvicinarmi al mondo beauty come autodidatta per poi specializzarmi, lavorando per shooting, sfilate e magazines di settore. Amo creare look sempre diversi, ricercare nuovi trend e confrontarmi giornalmente con chi mi segue con affetto!

© Italiaonline S.p.A. 2019Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

5 trucchetti e consigli per mantenere e sublimare l’abbronzatura