#FattiBella

Capelli secchi, grassi, sfibrati: lo shampoo più adatto

Chi li ha secchi, chi grassi, chi sottili, chi li ha sfibrati o delicati. Come scegliere lo shampoo più indicato alla propria tipologia di capelli?

Camilla Cantini Beauty blogger

Ciao Camilla! Ti scrivo perché ho difficoltà a scegliere i prodotti per capelli, soprattutto lo shampoo! Io ho i capelli normali e le lunghezze un po’ secche. O sono troppo pesanti, o sono troppo leggeri, o me li sporcano subito… insomma un disastro! Puoi consigliarmene qualcuno? Grazie!

Luisa

Ciao Luisa! In effetti, proprio come per i prodotti per il viso, anche per quelli dedicati ai capelli è necessario fare più prove prima di trovare quelli più giusti ed indicati. Inoltre, proprio come per la pelle, anche i capelli possono avere periodi diversi, in cui quindi utilizzare prodotti specifici. Penso ad esempio a periodi di forte stress, alimentazione sbagliata, freddo, vento, mare, sole… quindi non è quasi mai possibile avere un solo shampoo e balsamo da utilizzare durante tutto l’anno.

Innanzitutto è bene stabilire la frequenza di lavaggio. Se si lavano i capelli molto spesso è bene prediligere shampoo leggeri, con tensioattivi delicati, che non vadano ad aggredire il cuoio capelluto. Deve essere una detersione delicata, che non elimini troppo sebo, altrimenti è possibile che la cute ne produca più del dovuto o che, al contrario, possa seccarsi troppo andando a desquamarsi. Meglio optare per prodotti contenenti aloe, acido ialuronico, sostanze idratanti ma non pesanti sul capello.

Per quanto riguarda i capelli grassi, invece, è bene controllare che tra i principi attivi ci siano estratti purificanti, come ad esempio salvia, rosmarino, tea tree o menta, per citarne alcuni. Hanno un’azione rinfrescante e contrastano il sebo, svolgendo anche un’azione antibatterica e disinfettante. Il cuoio capelluto di chi ha questa tipologia di capelli è comunque sensibile, perché spesso si tendono ad utilizzare shampoo molto aggressivi che danno la sensazione di lavarli molto in profondità. In realtà il segreto è scegliere shampoo che siano sì efficaci contro un’eccessiva produzione di sebo, che diano ai capelli un aspetto pulito e fresco, ma che contengano anche sostanze idratanti ed emollienti che rendano i capelli morbidi ma non pesanti.

Per quanto riguarda i capelli fini il discorso è analogo: andando ad utilizzare detergenti troppo pesanti, ricchi di olii e sostante nutrienti, il rischio è quello di appesantirli ancora di più, andando a perdere volume. Meglio prediligere shampoo per lavaggi frequenti e, soprattutto, senza siliconi che, avendo un effetto filmante, indubbiamente rendono il capelli più pesanti e li appiattiscono in fase di asciugatura. Via libera ad aloe vera, semi di lino e acido ialuronico, in modo che i capelli risultino morbidi, idratati, ma leggeri.

Fonte: Instagram

I capelli secchi, invece, hanno bisogno di idratazione ed attivi nutrienti, in modo che anche le lunghezze siano morbide e non secche ed ispide. I prodotti migliori contengono oli di vario genere come ad esempio cocco, germe di grano, argan, olio di oliva, burro di karité o sostanze in grado di filmare leggermente il capello, trattenendo l’idratazione per un effetto più setoso. 

Allo shampoo, ovviamente, vanno aggiunti balsami e maschere adeguati, altrimenti il rischio è quello di vanificare l’effetto dello shampoo. Importanti sono anche i prodotti per lo styling, essenziali perché senza risciacquo e a contatto diretto con il capello. Inoltre, i capelli potrebbero cambiare con il cambio di stagione, diventando più secchi e sfibrati in estate a causa di vento, sole e salsedine, ma anche in inverno per il freddo ed il vento. L’ideale è quindi testare e provare vari prodotti ed alternarli in base alle esigenze dei propri capelli.

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Camilla Cantini

#FattiBella Chiedi un consiglio alla nostra consulente di Bellezza

Capelli secchi, grassi, sfibrati: lo shampoo più adatto