Capelli: gli errori da non fare con il balayage

Tutto quello che devi sapere sul balayage e gli errori da non fare per un risultato perfetto

Come ottenere i capelli dai riflessi luminosi sfoggiati da icone di bellezza come Gisele Bundchen, Jennifer Lopez e Rihanna? Semplicemente con una formidabile tecnica, il balayage, che ha riscosso grandissimo successo, ma che richiede qualche accorgimento al fine di evitare di commettere errori di cui potresti pentirti. Iniziamo dalle basi, dal definire cos’è il balayage, cioè una tecnica che serve a donare riflessi luminosi ai capelli, su tutta la lunghezza, con risultati assolutamente naturali.

Si differenzia dallo shatush per due motivi: in primo luogo per la tecnica di realizzazione e secondariamente per l’effetto che si ottiene. Per realizzare lo statush è necessario cotonare i capelli e poi schiarirli in una sola fase, mentre per realizzare il balayage è necessario dividere la chioma in grandi ciocche come per formare una stella e, senza cotonare, andare a schiarire lungo tutta la lunghezza. Inoltre il balayage prevede una seconda fase di colorazione per dare un effetto più naturale.

Il segreto del suo successo sta proprio nell’effetto naturale: i riflessi si confondono sulle lunghezze, muovono la chioma dandole profondità e spessore e, non essendoci contrasti netti come invece succede per lo shatush, i ritocchini possono essere rimandati di mesi. Il balayage, se fatto bene, ha bisogno di poca manutenzione. Ma quali errori bisogna evitare?

Per prima cosa bisogna evitare di eseguire questa tecnica prima di avere deciso il taglio definitivo. Diversamente dal colore, il taglio va effettuato prima poiché è necessario scegliere le zone dove è meglio dare luminosità e movimento a un taglio, anche quando i capelli sono corti.

Tagliare i capelli prima è fondamentale anche perché questa tecnica non va assolutamente utilizzata su capelli sfibrati o con le punte rovinate. Perciò se hai i capelli rovinati, meglio darci un taglio e poi dare la luce giusta.

L’altro errore da non fare è quello di realizzare il balayage a casa. Se non sei dotata di attestato di hair stylist, meglio lasciar perdere: questa tecnica non è semplice, e rischieresti di rovinare i capelli e di ottenere un risultato mediocre.

Come accennavamo, questa tecnica non richiede molta manutenzione, e dunque è bene eseguire non più di tre trattamenti all’anno, perché un numero maggiore rischierebbe di stressare troppo i capelli.

Una volta eseguita la schiaritura non bisogna dimenticare di idratare e nutrire i capelli con costanza. Trascurare la cura dei capelli sarebbe un errore molto grave poiché il balayage dona luminosità, ma non può nulla su una chioma danneggiata. Per mantenere vivi i riflessi, dunque, ricorda di usare prodotti specifici, applicare una maschera idratante e ristrutturante una volta alla settimana e non dimenticare di proteggerli dal freddo.

Rihanna ap

© Italiaonline S.p.A. 2019Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Capelli: gli errori da non fare con il balayage