Capelli: 10 cose basilari da sapere

Conoscere i tuoi capelli ti facilita quando la missione è trovare il look perfetto

Se vuoi essere il tuo hair stylist preferito, o conoscere il motivo per cui quello di fiducia non ne sbaglia mai una, devi partire dalla materia prima, dai tuoi capelli. Il segreto per scegliere il look migliore non è infatti la forma del viso, ma la densità e la consistenza dei capelli. Non c’è nient’altro di più importante della struttura del capello: è lei che sceglie, come un cavaliere durante il ballo delle debuttanti.

Sono 6 i tipi di struttura di capelli

Esistono 6 tipi di struttura di capelli che possono anche combinarsi tra di loro: fini, dritti, mossi, ruvidi, crespi e ricci. I capelli biondi tendono a essere più sottili, quelli scuri a essere più spessi: se vuoi sapere se i tuoi capelli sono fini, basta alzare alcune ciocche in alto, sui lati e dietro e vedere come cascano una volta lasciate andare. Se cascano afflosciandosi, hai sicuramente i capelli lisci. In caso contrario potrebbero essere più spessi e texturizzati. Riconoscere la texture dei capelli è il primo passo per studiare acconciature e tagli perfetti, anche se ogni regola nasce per essere infranta.

Capelli ricci? Il taglio perfetto è quello lungo

I ricci sono difficili da gestire se sono corti e scalati: si rischia di avere una testa molto piena, mentre il taglio lungo li appesantisce quanto serve per dare una forma decisa ma domata. Una regola che va infranta se ti piacciono i ricci indisciplinati. (Qui trovi qualche consiglio per i tagli giusti).

Capelli fini: il corto è meglio

I capelli fini perdono volume se sono molto lunghi. Tuttavia ci sono persone che usano portarli lunghi e stanno anche bene, poiché hanno visi tondi o squadrati che la lunghezza armonizza. Se hai un viso lungo e i capelli fini, il corto è decisamente il tuo taglio, ma anche alcune variazioni dal bob al mob. Non di più. La tua icona di riferimento dovrebbe essere Charlize Theron in tutte le sue “declinazioni”.

Capelli scalati?

Lo scalato è un taglio che dona a tutti i tipi di capelli poiché muove le trame, dona volume e corpo e ammorbidisce i lineamenti. L’unico rischio è per chi porta i capelli ricci: evita in tutti i modi di assomigliare a un abete natalizio.

Frangia: quando, come e perché

Siamo nell’anno della frangia: sei tentata? Se hai i capelli fini, dritti e ruvidi puoi procedere, ma se sono crespi e ricci, lascia perdere a meno che tu non sia disposta a usare la piastra tutte le mattine. Se proprio vuoi osare, la frangia deve essere lunga – deve toccare almeno l’orecchio – e assicurati che il tuo parrucchiere tagli le ciocche già asciutte, altrimenti l’effetto può essere devastante.

Onde naturali

Come creare le beach waves in modo semplice e naturale e scoprire che anche i tuoi capelli drittissimi possono diventare ondulati o addirittura mossi. La maggior parte dei capelli – anche quelli che sono fini e lisci – possiede onde naturali. Per scoprirle basta lasciarli asciugare in modo naturale all’aria e muoverli un po’ con le mani per dare corpo.

Prodotti adatti per ciascuna!

Ogni capello ha il suo segreto di bellezza. I capelli lisci hanno bisogno di un taglio adeguato per non perdere volume (lo scalato, of course!) e di prodotti che non appesantiscano: shampoo delicato, balsamo solo sulle punte, schiume e uno spray volumizzante o al sale marino.
Chi ha i capelli secchi deve lavorare molto sull’idratazione con maschere, balsami, impacchi e sieri.
Il segreto dei capelli ricci e crespi invece è nell’utilizzo del balsamo che li rende morbidi e facilmente gestibili.

Quanti lavaggi alla settimana?

Ciascuna dovrebbe seguire la propria struttura e non le regole generali. In genere è meglio non fare lavaggi frequenti, ma la regola può essere infranta se vivi in grandi città con problemi di inquinamento, se hai capelli fini o grassi che si sporcano più in fretta. Se hai i capelli ricci o crespi puoi anche aderire al movimento “no-poo” che opta per non lavarli ma solo condizionarli. In generale sarebbe buona norma lavarli in profondità una volta la settimana e in modo leggero durante la settimana.

Asciugarli o no?

A meno che tu non voglia un look messy, se hai i capelli fini e lisci, meglio usare phon agli ioni e spazzola per dare forma all’acconciatura. Segui i consigli per un’asciugatura perfetta, ma se hai i capelli ricci puoi anche permetterti di asciugarli all’aria: i ricci non vanno mai completamente addomesticati (meglio pettinarli sotto la doccia con una spazzola a maglie larghe) quindi usa un buon diffusore con aria tiepida e a testa in giù.

Un’ultima considerazione

Impara ad amare la texture dei tuoi capelli e la forma del tuo viso. Non lamentarti se non hai una cresta leonina come quella della tua migliore amica, o, al contrario, se i ricci sono indomabili. È solo riconoscendo il vero potenziale che è in te che puoi tirare fuori il meglio. Sempre.

© Italiaonline S.p.A. 2019Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Capelli: 10 cose basilari da sapere