Botox: cosa fa e chi non può farne a meno

Difficile accettare i segni del tempo che passa. Chi non ci riesce oggi ha un alleato

Donne e rughe non vanno d’accordo. Lo dicono i numeri: l’82% delle Europee ammette di doverci fare i conti quotidianamente anche se sei donne su dieci confessano che, malgrado tutto, l’idea di tenersene qualcuna non è poi un dramma. Emerge anche questo dallo studio internazionale sulla Bellezza nelle diverse culture condotto qualche anno fa (ma sempre attuale) da Research International di Londra su un campione di 10.500 tra donne e uomini di età compresa tra i 25 e i 60 anni, presi a campione tra Italia, Francia, Gran Bretagna, Spagna, Germania e Stati Uniti.

Un dato su tutti salta agli occhi: le italiane possono vantare qualche primato. Per esempio, strano a dirsi, riguardo all’uso del botulino (una su dieci l’ha provato). Lo hanno fatto per “avere un aspetto più fresco”, per sembrare “meno stanche e stressate”, per “incrementare l’autostima” e “per essere più attraenti”. C’è da dire che tutto questo succede al Centro Nord perché al Sud, dati alla mano, è tutta un’altra storia. Per una questione culturale ma anche, a quanto pare, per una questione di soldi.

Dallo Studio emerge anche che le donne del Bel Paese sono le più inclini a vedersi più giovani della loro età (53%) e sono quelle che meno si percepiscono stressate o stanche (10%) ritenendo molto importante apparire in forma (37%). Non solo: le italiane spendono per la bellezza più delle americane. Insomma: siamo abbastanza rilassate, il nostro aspetto fisico ci garantisce una discreta sicurezza in noi stesse anche grazie, visti i numeri, alle punturine di botulino.

Diverso il discorso per gli uomini. Non è un mistero che i centri estetici siano ormai una tappa fissa anche per loro. Trattamenti anti-età, per ravvivare il colorito della pelle, per nascondere i segni della fatica e coprire le occhiaie. Solo che gli Europei hanno ancora qualcosa da recuperare agli Americani. Solo 1 su 10 tra gli intervistati del Vecchio continente ammette di aver chiesto l’aiuto di un esperto, negli Usa siamo a 3 su 10.

Botox: cosa fa e chi non può farne a meno