Il coraggio di Stefano, col viso sfregiato al processo

Una delle vittime della coppia diabolica Levato-Boettcher, si è presentata in aula mostrando il viso sfigurato dall'acido, "affinché si arrivi alla giusta sentenza"

Con coraggio, ma soprattutto con “la fermezza e la serenità di chi non ha nulla di cui vergognarsi”, Stefano Savi ha voluto mostrare in aula il suo volto sfigurato e pieno di cicatrici, che ha già dovuto subire oltre 15 operazioni. Davanti al suo aggressore, quell’Alexander Boettcher che insieme all’amante Martina Levato lo ha sfregiato con l’acido per sbaglio, confondendolo per un’ altra persona. E che è rimasto impassibile tutto il tempo.

Ha detto Savi:

Voglio vedere in faccia i miei aggressori e voglio che si arrivi alla verità e ad una sentenza giusta

Davvero un bell’esempio di coraggio, una #bellastoria che andrebbe condivisa su Facebook. Anche se figlia di una bruttissima storia, che col passare del tempo rischia di confondere, citando le parole di Stefano, “quelle che sono le vere vittime”.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Il coraggio di Stefano, col viso sfregiato al processo