L’Italia a piedi, da sola e senza soldi: ce l’ha fatta

L'impresa di Darinka, 3000 km con solo uno zainetto e un paio di scarpe da ginnastica, attraverso la Penisola alla ricerca della felicità...

Tratto da: Favella Lab

Il vero miracolo non è volare in aria o camminare sulle acque, ma camminare sulla terra. E condividere i proprio sogni con nuovi amici è il bene più grande in vista di una vita felice ( Epicuro)

Con il progetto Walkaboutitalia Darinka Montico ha compiuto l’anno scorso un viaggio durato 7 mesi, a piedi e da sola, alla scoperta del proprio Paese. Una scommessa sulla generosità delle persone che l’hanno supportata anche economicamente (viaggiava senza soldi), raccogliendo dentro una scatola i sogni di tutti quelli che incrociavano il suo cammino.

È partita da Palermo ed è arrivata a Baveno, sul Lago Maggiore, sua città natale, percorrendo 3000 km a piedi, con sé soltanto uno zainetto, un paio di scarpe da ginnastica, un sacco a pelo e un materassino in caso di necessità. Perché normalmente, Darinka chiedeva ospitalità alle persone che incontrava, un letto e un pasto caldo.

Paura? Tanta:

Dei cani randagi che ringhiano, delle sopraelevate, delle gallerie e degli automobilisti insistenti che mi offrivano un passaggio (ma allora dicevo sempre che c’era una troupe televisiva che mi seguiva, e loro sgommavano). Camminando per l’Italia da sola, ho scoperto che il sorriso è un’arma potentissima che apre quasi tutte le porte. E che un altro grande segreto per viaggiare nel mondo è la capacità di ascolto: quella che mi ha portato ad ascoltare le mie scarpe, e che mi ha spinto a raccogliere i sogni delle persone che incontravo

 

Davvero una #bellastoria, che vale la pena condividere su Facebook

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

L’Italia a piedi, da sola e senza soldi: ce l’ha fatta