L’uomo che ha ipotecato la casa per sostenere la ricerca

Un gesto di enorme generosità per migliorare la vita dei malati di SLA

La Sclerosi Laterale Amiotrofica (SLA) è una malattia neurodegenerativa progressiva che colpisce numerose persone in età adulta. Consiste nella perdita dei motoneuroni spinali, bulbari e corticali, che conduce alla paralisi dei muscoli volontari fino a quelli respiratori.

La SLA colpisce persone con un’età compresa tra i 40 e i 70 anni. In Italia sono presenti più di 6.000 persone affette da questa malattia. L’aspettativa di vita dopo la sua diagnosi, purtroppo, è di 3-5 anni. Tuttavia, grazie ad ausili tecnologici e a centri specializzati, la qualità di vita dei malati è migliorata anche se ancora non esiste una cura vera e propria.

Un commercialista di Benevento, Lorenzo Capossela, dopo aver perso la moglie a causa della SLA, ha deciso di ipotecare la casa per finanziare la ricerca. La donna, malata di SLA da qualche anno, era in cura presso l’Azienda Ospedaliero Universitaria di Novara, dove si trova il Centro Regionale per la cura della Sclerosi Laterale Amiotrofica. Dopo la sua morte, avvenuta ad aprile, l’uomo ha deciso di donare proprio al centro di ricerca novarese il ricavato dell’ipoteca sulla casa.

Alla ricerca per trovare una cura contro la SLA partecipa anche il Massachusetts General Hospital dell’Università di Harvard. Il finanziamento dell’uomo ha permesso di iniziare il progetto. Al momento un’equipe di ricercatori, con a capo la dottoressa Letizia Mazzini, sta lavorando sulla biomolecola RNS60, una soluzione fisiologica addizionata di nanobolle di ossigeno, che permette di modificare alcuni biomarcatori infiammatori e di neurodegenerazione, basata sull’utilizzo di cellule staminali.

Attualmente i risultati sui 140 pazienti, sui quali è stata sperimentata la molecola, sembrano dare esiti positivi ma per capirne davvero l’efficacia bisognerà attendere i prossimi mesi.

Quello del commercialista sannita è stato un bellissimo gesto di estrema generosità, con il quale spera che altre persone possano trarne grandi benefici.

Per difendere la nostra salute è necessario fare ricerca per apprendere conoscenze. Fare ricerca significa sostenere spese considerevoli, oltre che impegnarsi facendo non pochi sacrifici. Le scienze ci offrono le possibilità di scoprire il funzionamento del nostro organismo e indagare sulla nostra natura. Per questo è davvero molto importante sostenere la ricerca su questa terribile malattia conosciuta anche come malattia di Lou Gehrig.

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

L’uomo che ha ipotecato la casa per sostenere la ricerca