La sarta di Gallipoli che cuce migliaia di mascherine da donare

Tutto andrà bene perché ci sono persone come lei, che mostrano di avere un cuore immenso

La speranza va messa in circolo, oggi più che mai. Durante questi giorni, così complicati e così intensi, durante i quali le distanze si annullano a suon di chiacchiere al telefono, videochiamate e storie belle da leggere sui social, ecco che ancora una volta le azioni delle persone ci insegnano che non siamo soli.

Nonostante la distanza infatti siamo più uniti che mai per vincere questa lotta, per ritornare presto in strada a ridere, abbracciarci e fare festa. Per riprendere in mano il dono più grande di tutti: la nostra vita.

E ci stiamo riuscendo, grazie al cuore grande che stiamo dimostrando di avere: chi si alza tutti i giorni e va a lavorare per garantirci i servizi essenziali, chi rispetta le regole con responsabilità e consapevolezza, chi mette a disposizione strumenti per mamme e per bambini e chi ancora, non smette di far sentire la sua vicinanza anche a chilometri di distanza.

Tra tutte queste persone ecco che troviamo lei, Irene Coppola, una sarta di Gallipoli che ha realizzato mille mascherine e le ha regalate. “Stanca ma contenta” esclama la donna in un video pubblicato sui suoi social network. Tra i commenti sotto i suoi post leggiamo parole di ringraziamento e commozione per quello che la donna è riuscita a fare.

Irene ha ideato delle mascherine realizzate con la pelle d’uovo, materiale questo che le rende sterilizzatili e riutilizzabili se bollite. Con un post sul suo profilo Facebook ha dato il via a questa iniziativa per donare le mascherine protettive a chi ne ha più bisogno nei giorni in cui trovarle sembra quasi impossibile.

Dopo aver lanciato l’idea il 10 marzo attraverso il suo profilo Facebook, la sarta non ha più smesso di lavorare per soddisfare le esigenze di chi in questo momento si trova in difficoltà. Molte infatti le richieste da parte di figli preoccupati per i genitori che sono sprovvisti di mascherina.

E così, una semplice ma brillante idea sta aiutando mille persone ad affrontare con più serenità l’emergenza del Coronavirus. La storia di Irene ci insegna che mai come questo momento noi italiani siamo uniti, nonostante le distanze che si separano, che abbiamo un cuore grande e immenso e che solo preoccupandoci e occupandoci degli gli altri ce la faremo. Perché grazie al nostro cuore grande, tutto andrà bene.

irene coppola

Le mascherine cucite da Irene – Fonte Facebook

 

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

La sarta di Gallipoli che cuce migliaia di mascherine da donare