Non possiamo vederci, ma ti amo. Come prima più di prima

Tutto andrà bene perché presto ci incontreremo e torneremo ad amarci. E sarà bellissimo

E così ci ritroviamo a scriverci, a videochiamarci e a parlarci, ogni giorno, più di quanto forse abbiamo fatto mai maledicendo tutto il tempo che non abbiamo trascorso insieme o quello passato a tenerci il muso per litigi futili che però oggi ricordandoli, ci fanno sorridere.

Il Coronavirus ci ha separati, per il momento. L’unica nostra colpa è stata quella di essere distanti al momento dell’esplosione dell’epidemia, ci siamo chiusi in casa con un po’ di timore ma tanta responsabilità perché sapevamo che quella era l’unica cosa da fare, per il bene di tutti.

E ci fanno ridere quei commenti ironici sulle coppie che si sono ritrovate a condividere la quotidianità h24 nelle loro abitazioni. “Divorzieremo a fine di tutto”, scrivono sui social divertiti per sdrammatizzare. Chissà se hanno idea della fortuna che hanno, di potersi parlare occhi negli occhi, di potersi sfiorare, baciare. Di fare l’amore. Un po’ li invidiamo.

Noi che eravamo abituati a trascorrere le nostre serate insieme, litigando su chi dovesse scegliere il film della serata o la nuova serie tv da iniziare. Cercando di far coincidere il giorni liberi per quella passeggiata al mare o quel pranzetto in centro, trepidanti per l’arrivo della primavera e delle sue giornate soleggiate.
E poi, improvvisamente non ci siamo più visti. Sapevamo che qualcosa stava cambiando, lo sentivamo ma forse egoisticamente abbiamo fatto finta di niente godendo di quegli ultimi giorni di normalità.

Poi è arrivata l’ufficialità dell’epidemia e da quel giorno tutto è cambiato. Ammettiamolo, abbiamo pensato di sfidare la sorte e di trovare un modo per incontrarci attraverso un sotterfugio perché la mancanza che sentivamo era tanta, troppa. Ma non potevamo farlo, non dobbiamo farlo, per l’amore che ci lega, per la responsabilità che abbiamo nei confronti degli altri.
E così abbiamo cambiato la nostra routine, i film li vediamo lo stesso anche se a distanza ma poi li commentiamo e ci confrontiamo. Passiamo molte ore al telefono, ora che abbiamo più tempo per noi e ci dedichiamo a tutti quei progetti che lasciavamo in standby e che ora, stando a casa possiamo seguire.

Ci raccontiamo le nostre giornate, le idee, le ricette sperimentate e i libri letti, a volte sottovoce ammettiamo anche di avere paura ma poi ci ricordiamo che tutto andrà bene e immaginiamo il giorno in cui potremmo riabbracciarci, baciarci e fare l’amore. Sogniamo il momento in cui potremmo dirci ancora ti amo, guardandoci negli occhi e sarà bellissimo, come non lo è stato mai.

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Non possiamo vederci, ma ti amo. Come prima più di prima