La maestra boccia il disegno, ma l’agenzia spaziale dà ragione al bambino: “Lo spazio è così”

Una maestra ha bocciato il disegno del bambino sul cosmo, ma l'agenzia spaziale gli ha dato ragione

“Lo spazio non è fatto così!”: una maestra ha bocciato il disegno di un bambino, spingendolo a rifarlo, ma l’agenzia spaziale ha dato ragione al piccolo.

Accade in Russia in una scuola elementare. Al piccolo, che frequenta la seconda classe, era stato chiesto come compito a casa di disegnare il cosmo. Il bambino ha così dato sfogo alla sua fantasia realizzando un disegno in cui appare un grande razzo al centro del foglio e intorno tanti puntini colorati che rappresentavano le stelle. Quando ha consegnato il lavoro all’insegnante però ha ricevuto una risposta negativa. Secondo la donna infatti lo spazio non era così e il disegno andava rifatto.

Tornato a casa il bambino ha raccontato – con molta delusione – cosa era accaduto a scuola. Suo padre però non si è perso d’animo e ha deciso di contattare la Roscosmos, l’agenzia spaziale russa, per chiedere un parere. La risposta non è tardata ad arrivare ed è stata davvero sorprendente. Gli esperti del cosmo infatti non solo hanno dato ragione al piccolo, ma hanno anche ripreso la maestra, accusandola di essere incompetente e di aver frenato la fantasia dell’alunno.

“La docente ha sbagliato – hanno spiegato in un documento ufficiale gli scienziati dell’agenzia spaziale -, non solo come insegnante perché ha negato al bambino il diritto di avere una sua visione della realtà, ma ha dimostrato di non possedere nozioni di fisica”.

Secondo gli esperti infatti il disegno del bambino non solo è molto bello, ma rispecchia anche la realtà. Insomma: il cosmo è veramente così e c’è anche una spiegazione scientifica che lo dimostra. “Le stelle emanano un largo spettro di luce – hanno svelato dalla Roscosmos -, di conseguenza noi percepiamo solo il miscuglio dei loro colori perché l’occhio umano è fatto in questo modo. Per esempio verde, rosso e blu insieme vengono percepiti come bianco. In realtà le stelle possono essere celesti, bianche, gialle, arancioni e rosse”.

Grazie a questa spiegazione il bambino ha potuto riconsegnare il disegno alla maestra e questa volta, come ha raccontato il padre, ha ricevuto un bel voto.

Disegno

Il disegno dello spazio – Twitter

La maestra boccia il disegno, ma l’agenzia spaziale dà ragione ...