Bimbo autistico in difficoltà, l’amico lo prende per mano

Connor, un bambino autistico, piangeva. Ad aiutarlo Christian, un amico speciale che l'ha preso per mano.

Una storia di amicizia, d’amore e di coraggio: Connor e Christian sono due bambini di 8 anni protagonisti di un episodio bellissimo avvenuto il primo giorno di scuola.

Connor Crites è autistico e al ritorno fra i banchi, il 14 agosto scorso, ha vissuto un momento di profondo disagio. Il piccolo frequenta la Minneha Elementary di Wichita, in Kansas, e il primo giorno di scuola si è ritrovato a piangere di fronte all’ingresso, triste e sconsolato. In suo aiuto è arrivato Christian Moore, compagno di scuola e bambino dal cuore d’oro.

Christian ha notato da subito la tristezza di Connor e si è avvicinato. Poi l’ha preso per mano e l’ha scortato sino alla porta principale della scuola dove i due bambini hanno atteso che suonasse la campanella. Il bimbo ha smesso di piangere e ha ritrovato il coraggio e la forza di affrontare quel momento grazie al suo amico.

La storia di Christian e Connor è diventata in breve tempo virale grazie alla mamma di uno dei due bambini, Courtney Moore, che ha scattato una foto e l’ha pubblicata su Facebook raccontando cosa era accaduto.

“Sono così orgogliosa di mio figlio – ha scritto la donna – è un bambino con un cuore grande, il primo giorno di scuola è iniziato bene”. Anche Connor ha raccontato le emozioni provate in quel momento e si è mostrato grato a Christian per la gentilezza mostrata nei suoi confronti.

“È stato gentile con me – ha confessato il bambino a una tv locale – ero al primo giorno di scuola e ho iniziato a piangere, poi Christian mi ha aiutato ed ero felice”. L’episodio è stato commentato anche dalla mamma del piccolo, che era molto preoccupata per la reazione del figlio il primo giorno di scuola. Un semplice gesto infatti è bastato a riporta il sorriso sul volto di Connor.

“È tutto ciò che posso chiedere – ha detto April Crites, la madre di Connor, alla Abc News Monday – che qualcuno si apra nei confronti di mio figlio in quel modo.
Sono così felice che abbia avuto un amico. E, si spera, un’amicizia per la vita”. Suo figlio infatti non ha parlato sino ai cinque anni d’età e la mamma teme sempre che Connor possa sentirsi isolato e soffrire. Ora il legame con Christian lo renderà più forte e sicuro. “Temo ogni giorno che qualcuno riderà di lui – ha spiegato – perché non parla correttamente o perché non sta fermo”. Ma ora accanto a lui c’è un nuovo amico.

© Italiaonline S.p.A. 2019Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Bimbo autistico in difficoltà, l’amico lo prende per mano