“Puoi riposare in pace”, la struggente lettera della moglie a Chris Cornell

Vicky Karayiannis, dice addio a Chris Cornell, l'uomo, l'artista e il marito a cui è stata accanto per anni e che ora ha perso

Il dolore per una morte inspiegabile, un grande amore e l’amarezza per ciò che si è perduto: c’è tutto questo e molto altro nella lettera scritta da Vicky Karayiannis e indirizzata a Chris Cornell. Il cantante dei Soundgarden solo una settimana fa si è tolto la vita in una camera d’hotel a Chicago, al termine di un concerto. La sua morte continua ad essere avvolta dal mistero e non sono ancora stati divulgati gli esiti dell’esame tossicologico. Nel frattempo i fan, ma soprattutto la famiglia, piangono la perdita di un artista unico nel suo genere.

Lo svela la moglie Vicky in una lettera aperta pubblicata su “Billboard” in cui dice addio al marito dopo anni d’amore e due figli. “Al mio dolce Christopher, sei stato il papà, il marito e il genero più dolce. La tua pazienza, empatia e amore trapelavano sempre – si legge nella missiva indirizzata all’artista -. Mi hai sempre detto che ti avevo salvato, che se non fosse stato per me non saresti stato vivo. Il mio cuore brillava vedendoti così felice, vitale e motivato. Affamato di vita. Sempre impegnato a fare tutto il possibile ricambiare”.

“Negli ultimi 10 anni  – scrive Vicky – abbiamo passato i momenti più belli della nostra vita e mi spiace, amore mio, di non aver potuto vedere cosa ti è successo quella notte. Sono dispiaciuta che tu fossi da solo e so che non eri in te, mio dolce Christopher. Anche i tuoi bambini lo sanno, per cui puoi riposare in pace. Sono a pezzi, ma lotterò per te e mi prenderò cura dei nostri bellissimi figli. Penserò a te ogni minuto di ogni giorno e combatterò per te”.

“Avevi ragione a dire che siamo anime gemelle – conclude la moglie di Chris Cornell – Dicono che le strade che si sono incrociate si incrociano sempre nuovamente e so che verrai a cercarmi, e io sarò lì ad aspettarti. Ti amo più di quanto qualcuno abbia mai potuto amare un’altra persona nella storia dell’amore, più di quanto sarà mai possibile fare. Sempre e per sempre tua Vicky”.

Chris Cornell e Vicky Karayiannis si erano conosciuti anni fa a Parigi. Fra di loro c’era stato un vero e proprio colpo di fulmine e pochi mesi dopo si erano sposati. Per amore di Vicky, Cornell si era avvicinato alla fede ortodossa, ma soprattutto aveva fondato la Chris & Vicky Cornell Foundation, un’associazione che si occupa di disagio minorile. La coppia ha due figli: Toni, di 12 anni e Christopher Nicholas, che ne ha 11. Era stata proprio Vicky a dare l’allarme dopo che per diverse ore non era riuscita a contattare il marito. La donna, preoccupatissima, aveva chiamato un amico della coppia, che era entrato nella stanza d’hotel in cui alloggiava Cornell, trovandolo morto.

“Puoi riposare in pace”, la struggente lettera della moglie a Chris Cornell
“Puoi riposare in pace”, la struggente lettera della moglie a Chri...