Non solo clitorideo: gli orgasmi femminili (e qualche consiglio per provarli tutti)

Non esiste solo quello clitorideo, ma tantissimi tipi di orgasmo femminile. Ecco quali sono e come provarli tutti

Non solo clitorideo, secondo gli esperti esistono molte tipologie di orgasmo, con caratteristiche e modalità diverse una dall’altra. Il primo è quello che definiremo “classico” e che si manifesta con una sensazione i piacere molto intensa, seguita da contrazioni dei muscoli pubococcigei e perianali, seguiti da un totale rilassamento e ipersensibilità.

Con la giusta stimolazione e imparando ad esplorare il proprio corpo (anche grazie al partner) si può raggiungere l’acme anche in altri modi. Esistono ad esempio gli orgasmi multi, che possono essere intensi o meno intensi. Nel primo caso una volta raggiunto l’apice del piacere, si prova una sensazione di benessere, che può essere accompagnata dall’eiaculazione femminile. Nel secondo caso invece gli orgasmi sono intensi e si succedono in maniera rapida, provocando un vortice di piacere sempre più forte in un breve lasso di tempo. Se volete provare entrambi la regola è solo una: lasciarsi andare completamente senza trattenersi.

Denominato anche “piccola morte”, l’orgasmo totalizzante è stato provato da poche donne, ma tutte possono raggiungerlo, imparando a conoscere meglio il proprio corpo e a stimolarlo nel modo giusto. Non comporta la contrazione muscolare, ma deriva da un’attivazione del sistema nervoso centrale. Solitamente dura pochissimo, ma è così sconvolgente da causare una sensazione di svenimento, seguita da un benessere che dura a lungo.

La stimolazione del punto G può portare ad un orgasmo molto diverso dal solito. Per provare questa tipologia di piacere scegliete la posizione giusta durante il rapporto sessuale, preferendo ad esempio quella della cowgirl, con la donna sull’uomo. In questo modo sarete in grado di seguire meglio le vostre sensazioni, arrivando all’acme in breve tempo.

Infine troviamo due tipi molto particolari di orgasmo, quello mentale e quello onirico (simile alla polluzione per gli uomini). In questo caso il piacere è stimolato dall’immaginazione e non dal contatto fisico. Si verifica ad esempio quando si fa un sogno erotico oppure quando si vede un film porno. Il risultato è una contrazione ritmica spontanea dei muscoli pubococcigei che danno origine all’orgasmo.

 

Non solo clitorideo: gli orgasmi femminili (e qualche consiglio per pr...