10 cose che non sai sugli spermatozoi

Vi siete mai chiesti gli spermatozoi cosa sono e a quale velocità si muovono? Avete idea di quanti se ne producano? Ecco una carrellata di 10 curiosità che forse non conoscevate

Tutto sugli spermatozoi cosa sono e quali caratteristiche li contraddistinguono: ecco 10 curiosità che alcuni di voi con molta probabilità non conosceranno. Sapevate ad esempio che gli spermatozoi non riescono a girare a sinistra, ma quando si muovono sono naturalmente orientati verso destra? Questo è quanto hanno scoperto un gruppo di ricercatori statunitensi osservando il comportamento di 1500 spermatozoi. Inoltre si è visto che i loro movimenti tracciano dei percorsi definiti a “turacciolo”. Gli spermatozoi non tengono conto delle dimensioni dell’animale, per cui non è detto che un mammifero più grande abbia spermatozoi più grandi.

Pensate che lo spermatozoo più lungo appartiene ad un moscerino ed è lungo 2 centimetri contro gli 0,07 millimetri dell’essere umano. Il viaggio che compie prima di arrivare all’ovulo dura un’ora perché lo spermatozoo viaggia ad una velocità che oscilla tra 1,6 e 3 millimetri al minuto. Con ogni eiaculazione l’uomo espelle da 40 a 120 milioni di spermatozoi ed è incredibile se pensate che solo uno sarà in grado di generare la vita. Gli spermatozoi inoltre riescono a sopravvivere nell’ utero fino a 3 giorni, per cui non è detto che la fecondazione avvenga nell’immediato.

Altri studi hanno invece dimostrato come la qualità degli spermatozoi sia superiore a primavera, periodo ideale quindi se si sta pensando ad una gravidanza. Sugli spermatozoi cosa sono e come funzionano esistono purtroppo tante credenze e una di queste è che abbiano molte calorie. In realtà una docente dell’Università dell’Indiana, Rachel Vreeman, ha osservato come contengano solo 5/7 calorie, mentre siano ricchi di fruttosio, vitamina C, magnesio e calcio. Sapevate infine che esistono dei raccoglitori per i donatori di sperma? Si chiamano Automatic Sperm Extractor, sono degli apparecchi che stimolano l’organo genitale permettendo contemporaneamente la visione di un video. Il macchinario si trova a Nanjing, in una clinica cinese.

L’eiaculazione inoltre non viene indotta da un unico organo, ma è il risultato del funzionamento coordinato di un meccanismo neuromuscolare che si attiva in due momenti diversi: lo sperma prima raggiunge la base dell’uretra e poi 6 o 7 contrazioni ritmiche ne agevolano l’espulsione. Le prime 3 corrispondono all’orgasmo vero e proprio, quindi questo significa che l’eiaculazione non necessariamente coincide con il piacere. Infine importanti studi hanno dimostrato come surriscaldamento climatico e fertilità non vadano d’accordo: stando agli ultimi dati, pare che ci sia stato un calo nella conta spermatica, causata proprio dall’aumento delle temperature.

10 cose che non sai sugli spermatozoi