Cinque modi per essere vicine al partner anche quando si litiga

Litigare con il partner può comportare molto stress e tensione, ma in realtà è possibile stare accanto alla persona amata anche quando si bisticcia

Litigare con il partner, a volte, può causare un vero e proprio allontanamento nella coppia. Quante volte capita di non condividere le stesse idee e ritrovarsi ad affrontare un’enorme discussione anche sulle piccole cose? Gestire una relazione non è semplice, poiché bisogna sapere accettare anche i pregi e i difetti dell’altra persona. Inoltre, a volte bisogna sapersi venire incontro e non tutti sono bravi in questo. Talvolta si pretende troppo o in altri casi non si considera abbastanza l’altra persona, la quale di conseguenza inizia a sentirsi trascurata. Possono quindi nascere numerosi bisticci e se questi tendono ad aumentare giorno per giorno, i partner possono decidere di allontanarsi. Tuttavia, queste situazioni potrebbero anche portare alla fine della relazione. Per questo bisogna saper gestire questi periodi di stress, in modo tale da risolvere al meglio tutti i problemi. In realtà, è possibile stare vicino al partner anche quando si litiga. Questo aspetto potrebbe significare la salvezza o la fine del rapporto. Tutti probabilmente conosceranno lo stress emotivo che si prova quando si litiga con una persona cara.

Ma una nuova ricerca mette in evidenza quanto litigare con il partner possa fare male alla salute. Uno studio ha analizzato gli effetti negativi che, a lungo andare, si ripercuotono sulla salute fisica di un individuo che litiga costantemente. I ricercatori hanno scoperto che le esplosioni di rabbia possono causare problemi cardiovascolari. Non solo, i continui conflitti aumentano anche il rischio di disturbi muscolo-scheletrici, ovvero si avverte la muscolatura particolarmente rigida. Precisamente dai risultati è emerso che discutere frequentemente può portare alla morte prematura. Anche se litigare fa parte della vita, il modo di reagire ai conflitti e di comunicare durante questi momenti di stress, è in realtà questione di vita o di morte. Fortunatamente esistono alcune semplici pratiche altamente efficaci per non sentirsi sopraffatti durante un conflitto. Per metterle in atto bisogna conoscere se stessi ed il partner. Il primo metodo riguarda la consapevolezza. Essere consapevoli può essere d’aiuto nelle situazioni in cui ci si sente emotivamente coinvolti.

Anche se diventa molto impegnativo, soprattutto quando si viene provocati, è fondamentale prendere una pausa ed evitare di reagire impulsivamente a determinate risposte. Ad esempio, è possibile fare una passeggiata o contare fino a 10 per calmarsi e capire cosa sta succedendo dentro di sé. Una volta compresi i propri sentimenti, sarà finalmente possibile domarli. Quando capita di litigare con il partner bisogna imparare ad essere aperti all’idea di sbagliare. Questo aspetto potrebbe rivelarsi vantaggioso in ogni rapporto. Si consiglia quindi di ascoltare la propria voce interiore e cercare anche di fare un po’ di auto-critica per comprendere al meglio ciò che sta succedendo, mettendosi nei panni dell’altra persona. D’altronde le esperienze del partner potrebbero essere sempre differenti dalle proprie. Purtroppo, bisogna comprendere che uno scontro in cui nessuno dei due è disposto a sentire ragioni o ad entrare in empatia con l’altro tende ad avere delle conseguenze davvero devastanti. Basterà dunque cercare di mostrarsi sempre aperti ed ascoltare la sua esperienza per comprendere l’altra prospettiva.

Un ulteriore suggerimento è quello di prendere in considerazione la causa scatenante della propria rabbia. Quando c’è qualcosa che fa scattare emotivamente, il cervello si inonda di cortisolo, rendendo l’individuo più propenso a scatenarsi e reagire. Occorre quindi fermarsi un attimo e riflettere sulle sensazioni, le immagini, i sentimenti ed i pensieri provati nel momento in cui ci si sente pronti a reagire. Le emozioni, infatti, tendono ad intensificarsi quando si è in procinto di reagire, spesso a causa di un evento del presente che provoca lo stesso sentimento già provato in passato. Se in passato ci si sentiva dimenticati o trascurati, si può avere la tendenza a reagire con forza a qualsiasi rifiuto percepito nel presente. Quando capita di litigare con il partner bisogna seguire una regola ben precisa, ovvero quella di ascoltare l’altra persona. E’ fondamentale conoscere a fondo se stessi ed il partner. Bisogna comprendere cosa provoca maggiore sensibilità durante la comunicazione. Ciò significa saper ascoltare l’anima gemella, evitando di proiettare su di lei solo ciò che si desidera percepire, ma che non corrisponde alla realtà. Spesso si tendono a proiettare le paure sulle persone care. E’ preferibile quindi cercare sempre un chiarimento faccia a faccia. Infine, l’ultimo consiglio è molto semplice, ma anche complesso. Quando ci si ritrova ad affrontare un conflitto bisogna saper mantenere la calma, in quanto è la chiave per comunicare correttamente con l’altra persona e condividere in modo pacato i propri pensieri, poiché essere aperti o diretti permette di esprimersi nel modo giusto.

Cinque modi per essere vicine al partner anche quando si litiga