5 cose da ricordare per le persone che si sentono inferiori agli altri

Perché alcune persone si sentono inferiori alle altre? Ecco cinque ragioni da tenere a mente per riuscire ad acquistare maggiore fiducia in se stessi

Esistono le persone inferiori? Sono tanti gli uomini e le donne che, al giorno d’oggi, si sentono in obbligo di piacere necessariamente a chiunque e che quindi, proprio per tale ragione, strapazzano la loro vera personalità nascondendo i propri naturali difetti caratteriali. Capita spesso di incontrare studenti, lavoratori e più in generale persone di qualsiasi rango che perdono ore di sonno trascorrendo le proprie notti in bianco perché terrorizzati al solo pensiero del confronto al quale si sarebbero dovuti sottoporre il giorno successivo nei confronti dei propri coetanei, insegnanti, superiori, ecc. Non è difficile neanche trovarsi dinnanzi a genitori totalmente privi di autorità che hanno estrema difficoltà a mantenere l’ordine all’interno delle proprie case perché hanno letteralmente paura che i propri figli potrebbero arrabbiarsi con loro, facendoli sentire in colpa. Gli esempi sopracitati riguardano tutti casi di persone che si sentono inferiori alle altre. E’ difficile trovare una spiegazione che sia in grado di giustificare tali comportamenti, la scienza non riesce a dimostrare perché esistano persone che hanno paura di deludere gli altri e che sentono l’incessante bisogno di rendere tutti felici.

Per alcuni si tratta di un comportamento appreso durante l’ infanzia, per gli altri, assumere tale atteggiamento, è un vano tentativo messo in atto per cercare di piacere a tutti e mostrare al mondo la propria esemplare educazione. Se vi riconoscete in questa descrizione, se anche voi tendete a dire di si a cose che in realtà non vi va proprio di fare o se evitate di discutere con qualcuno per paura che questi si arrabbi, è il caso che proseguiate con la lettura dando uno sguardo a cinque regole che dovreste sempre tenere bene a mente. 1) Nessuno può essere ritenuto responsabile per le emozioni altrui. Se si tende a fare sempre tutto ciò che il vostro partner desidera anche a scapito del vostro personale benessere, o se ci si sforza di rendere i vostri collaboratori orgogliosi e fieri di voi per il lavoro svolto, la gente tenderà ad avere delle aspettative sempre più grandi su di voi. Tale comportamento, se non corretto, tenderà a portarvi a dover assumere troppe responsabilità. Non avete nessun’obbligo nei confronti degli altri, non dovete preoccuparvi di far fronte a qualsiasi loro sensazioni sgradevole, non è il vostro lavoro proteggerli dagli avvenimenti poco piacevoli che saranno destinati ad andare loro incontro.

2) La gente che abbisogna del consenso degli altri è facilmente manipolabile. Spesso è possibile individuare una persona particolarmente sensibile e soggiogabile già da un miglio di distanza. Stiamo parlando delle persone eccessivamente accondiscendenti, quelle che rispondono sempre positivamente a qualsiasi richiesta. I soggetti del genere diventano facili bersagli per persone che mostrano un carattere più forte e sicuro di se. Qualcuno potrebbe approfittare della vostra gentilezza e cortesia per chiedervi favori a loro scomodi da svolgere. 3) E’ normale che alcune persone vi reputino non particolarmente simpatici. Non si può piacere a tutti, le persone sono diverse e ognuna di loro mostra affinità con un certo tipo di caratteri e non con altri, non bisogna farsene una colpa. Non ci sarà mai una decisione, un oggetto o un servizio che piaccia in modo indistinto a tutti. Basti guardare le recensioni che appaiono sotto un casuale prodotto messo in vendita: noterete subito una miriade di commenti contrastanti.

4) Cercare di compiacere le persone ruba energia vitale. E’ impossibile riuscire ad accontentare tutti. Mettere in pratica un comportamento che abbia come scopo quello sopracitato non farà altro che stressarvi e rendervi nervosi. Se siete preoccupati che qualcuno possa risultare infastidito da un vostro comportamento, analizzatelo e se non vi sembra di stare facendo niente di particolarmente offensivo nei suoi confronti, non cambiate atteggiamento. Evitate assolutamente di ripercorrere e rivivere nuovamente le conversazioni avvenute in passato. Rimuginare su eventi trascorsi non vi aiuterà e vi porterà a spendere ulteriori minuti preziosi del vostro tempo. 5) E’ un comportamento alquanto egoista cercare, a tutti i costi, di compiacere gli altri. La maggior parte della gente che ha paura di dire di no, sostiene di non farlo perché non vuole apparire agli occhi degli altri come una persona eccessivamente egoista e piena di se. In realtà però è proprio la necessità di essere sempre piaciuti che fa apparire i soggetti in questione leggermente egoisti e prepotenti. Dire di si a cose che non si vuole fare vi farà provare del risentimento verso la persona che vi ha chiesto il favore e finirà per danneggiare irrimediabilmente il rapporto d’amicizia che vi lega a tale soggetto. Rimanete fedeli ai vostri valori e imparate a dire di no. La gente che prova realmente interesse a trascorrere del tempo di qualità in vostra presenza continuerà a farlo, anche nel caso in cui voi iniziate a rendervi meno disponibili. D’altro cando cercate di imparare a tollerare anche le persone che si dimostrano essere arrabbiate o infastidite con voi. Le vostre parole e i vostri comportamenti devono sempre essere in linea con le vostre convinzioni e volontà.

5 cose da ricordare per le persone che si sentono inferiori agli ...