Troppo fruttosio fa male: pericoloso come l’alcol per il fegato dei bambini

Per la prima volta una ricerca scientifica dimostra che l'eccesso di zuccheri può causare danni epatici nei bambini, dal fegato grasso alla cirrosi

Troppo zucchero fa male negli adulti e soprattutto nei bambini. Una verità risaputa ma ora una ricerca scientifica lo conferma. L’abuso sistematico di fruttosio aggiunto a bevande e alimenti ha gli stessi effetti pericolosi dell’alcol in particolare nei piccoli: ogni grammo in eccesso rispetto al fabbisogno giornaliero (circa 25 grammi) accresce di una volta e mezza il rischio di sviluppare malattie epatiche gravi.

Lo zucchero preso in eccesso è quindi un vero e proprio veleno. Questo è quanto emerge da uno studio condotto da un gruppo di ricercatori dell’Ospedale Pediatrico del Bambino Gesù di Roma che per la prima volta rivela nella letteratura scientifica i danni che il fruttosio porta alle cellule del fegato dei più piccoli. I risultati sono stati pubblicati sulla rivista Journal of Hepatology. A differenza del glucosio, che può essere utilizzato quasi da ogni cellula del nostro corpo, il fruttosio può essere metabolizzato solo dal fegato, perché esso è l’unico organo in cui è presente il suo trasportatore.

La ricerca, svolta tra il 2012 e il 2016, ha coinvolto 271 bambini e ragazzi affetti da fegato grosso. Valerio Nobili, responsabile di Malattie Epato-metaboliche del Bambino Gesù spiega:

Diversi studi hanno provato che l’elevato consumo di zucchero è associato a numerose patologie sempre più frequenti in età pediatrica come l’obesità, il diabete di tipo II e le malattie cardiovascolari. Ma poco si sapeva del suo effetto sul tessuto epatico, almeno fino ad oggi.

Dunque, il consiglio è quello di evitare succhi di frutta e dolcetti confezionati che devono costituire la merenda dei piccoli solo eccezionalmente. L’acido urico è uno dei prodotti finali della sintesi del fruttosio nel fegato. Quando è prodotto in grandi quantità diventa tossico per l’organismo e concorre allo sviluppo di diverse malattie, dal fegato grasso alla cirrosi.

Il fruttosio è uno zucchero naturale presente in diversi cibi: frutta, verdura, le farine per pane, pizza e pasta. In una dieta equilibrata non provoca alcun effetto negativo. Il vero problema è il fruttosio aggiunto in merendine, sciroppi, caramelle, succhi di frutta. Una sola lattina di bevanda zuccherata contiene il doppio della quantità giornaliera di fruttosio indicata per l’età pediatrica (circa 25 grammi). Una merendina ne contiene mediamente il 45% in più, mentre una bottiglietta di succo di frutta poco più della metà.

Troppo fruttosio fa male: pericoloso come l’alcol per il fegato dei bambini
Troppo fruttosio fa male: pericoloso come l’alcol per il fegato ...