Herpes nasale: quali sono le cause, i sintomi e la cura

Fastidioso e molto diffuso, l’herpes nasale si combatte anche a tavola

L’herpes nasale è un disturbo fastidioso. Nasce quando le difese immunitarie vengono compromesse e colpisce la pelle e le mucose del naso, accompagnandosi spesso all’herpes labiale. Ad annunciarlo, un senso di prurito e di gonfiore nell’area in cui – di lì a poco – compariranno piccole vesciche piene di siero che, una volta rotte, andranno a formare antiestetiche e fastidiose crosticine facili al sanguinamento.

È importante, in tema di herpes nasale, puntare alla prevenzione: evitare il contatto diretto con chi ne soffre in forma acuta, evitare di scambiarsi effetti personali come gli asciugamani e i fazzoletti, ridurre lo stress, prevenire screpolature e scottature solari, praticare sport per migliorare le difese immunitarie adottare un’alimentazione equilibrata. Ed è proprio l’alimentazione, l’arma vincente con cui combatterlo. È importante garantirsi una dose sufficiente di sali minerali (ferro, zinco, magnesio, selenio), di vitamine (C e D), di antiossidanti, di amminoacido lisina e di omega 3, e assumere cibi probiotici e prebiotici, poiché – dietro all’herpes nasale – potrebbero esserci anche problemi intestinali. Appena si avvertono i primi sintomi, è inoltre bene fermare l’infiammazione con apposite pomate, così da evitare la successiva assunzione di farmaci.

Le cause più frequenti dell’herpes nasale sono i periodi di stress mentale eccessivo, le infezioni e l’indebolimento del sistema immunitario. Ma, prevenirlo, si può. A cominciare dalla tavola, privilegiando cibi ricchi di vitamina C (peperoni, agrumi, prezzemolo, kiwi, lattuga), di vitamina D (pesce, tuorlo d’uovo) e di sali minerali. Via libera quindi al latte (fonte di zinco e selenio), alla carne (fonte di ferro, zinco e di selenio) e al pesce (ricco di selenio). Per assicurarsi il giusto apporto di magnesio è bene consumare semi oleosi, cacao, cioccolato fondente, crusca, frutta e verdura (che, insieme al vino rosso e alle spezie, sono inoltre importanti per gli antiossidanti che contengono); per gli Omega 3 è fondamentale consumare il pesce azzurro, per i probiotici gli alimenti fermentati come lo yogurt e il tofu.

Una volta che si è manifestato, per curare l’herpes nasale è possibile ricorrere all’omeopatia (sebbene non si tratti di veri e propri rimedi). Consigliate, per rafforzare il sistema immunitario e combattere l’infezione, sono l’echinacea, la pappa reale e la propoli.

Herpes nasale: quali sono le cause, i sintomi e la cura