Disturbi del sonno: quando c’è un legame con la depressione

I disturbi del sonno sono correlati a tantissimi fattori, tra i quali c'è anche la depressione. Questa influisce negativamente sull'attività cerebrale e fa nascere pensieri inopportuni

I disturbi del sonno sono un settore davvero problematico ai giorni nostri. Nel mondo dinamico in cui viviamo, esponendoci a tantissimi attacchi psicologici provenienti dall’esterno, il rischio di avere dei problemi di sonno e non riuscire ad addormentarsi è molto alto. Eppure farsi una bella dormita è indispensabile per il corretto funzionamento del nostro cervello , tanto che quando dormiamo nel nostro corpo avvengono cambiamenti sia di natura fisiologica, che psicologica. Dopo una bella dormita ci sentiamo freschi e riposati, pieni di energie sia mentali, che fisiche.

L’importanza del sonno è quindi innegabile. Basti pensare allo sviluppo di malattie mentali qualora l’organismo non dorma per troppo tempo. Essendo strettamente legati alla sfera emotiva, i disturbi del sonno hanno una correlazione diretta con la depressione, intesa come un umore negativo. Tutto questo può causare anche problemi di natura fisiologica, come una lieve aritmia cardiaca. L’umore depresso e i disturbi del sonno possono funzionare reciprocamente, producendo degli effetti specifici particolari. Degli effetti che il solo cattivo umore non sarebbe riuscito a produrre.

In particolare si tratta delle disfunzioni delle capacità analitiche e dei meccanismi fisiologici di feedback che regolano la cognizione umana e sono alle fondamenta delle relazioni interpersonali. Come dimostrano alcune ricerche, la carenza di sonno può sviluppare la depressione . In alternativa, la costante presenza dell’umore depressivo può portare a vari disturbi del sonno. Quando si è emotivamente giù, il ritmo del ciclo attività/riposo viene alternato e non combacia più con i cicli notte/giorno. Come se non bastasse, la presenza di una disfunzione può portare rapidamente allo sviluppo dell’altra.

E la questione non si limita solo a questo. Stando ad alcuni studi, è più facile peggiore la propria salute emotiva, che migliorarla. Così, chi è depresso sarà portato a deprimersi ancor di più per via delle conseguenze della depressione (tra i quali anche i disturbi del sonno), piuttosto che a uscire dalla situazione di difficoltà emotiva. E chi soffre dei disturbi del sonno, sarà portato a soffrirne sempre di più se non riuscirà a controllare la situazione. Questi disturbi devono essere eliminati immediatamente, poiché prima possono portare a leggere disfunzioni fisiologiche, e poi anche a malattie mentali croniche.

Disturbi del sonno: quando c’è un legame con la depression...