Candida e alimentazione: consigli per la cura e la prevenzione

La candida è una spiacevole infezione; scopriamo insieme qualche accorgimento alimentare che può aiutarci a tenere sotto controllo i sintomi

La candida è una infezione provocata dal fungo “candida albicans” che sebbene sia normalmente presente nel nostro corpo, in alcune circostanze può diventare patogeno. Sono le donne ad essere maggiormente colpite da candida nelle zone genitali (candida vulvovaginale); ma questa patologia può colpire ambo i sessi e tutte le zone calde del nostro corpo.

La candida nelle zone vaginali è riconoscibile in quanto comporta la presenza di prurito, dolore e perdite vaginali biancastre; spesso vi è anche la presenza di macchioline bianche sulla zona vaginale. La candida “scoppia” nel momento in cui il fungo presente nel nostro corpo inizia a proliferare in maniera anomala.

La proliferazione può essere determinata ad esempio, al seguito di una terapia antibiotica (gli antibiotici lo ricordiamo vanno sempre assunti con cautela). Nelle donne anche a causa della glicemia alta o se vengono utilizzati abiti in tessuto troppo stretto (esempio nylon) che non permette la corretta traspirazione della pelle.

Gli antibiotici ad esempio, distruggono la flora batterica presente nell’intestino che mantiene normali i livelli dei funghi. La glicemia alta invece, comporta una crescita dei lieviti quindi è importante almeno per la prima settimana, ridurre il più possibile (meno di 60 grammi) il consumo di carboidrati.

Se quindi avvertiamo prurito, dolore, irritazione, arrossamento, e il nostro medico conferma la diagnosi di “candida”, dobbiamo concentrarci sull’alimentazione. Proprio cosa mangiamo, infatti, ha un ruolo importante nell’ evitare recidive nella candidosi. Innanzitutto sembra che ridurre i carboidrati dia un apporto notevole nella riduzione dei sintomi della candida.

Va evitato l’aceto, alimenti affumicati o ricchi di zuccheri.Dovremmo altresì rinunciare per qualche sera all’aperitivo alcolico (l’alcool è infatti bandito); vanno evitati cereali e patate , e con buona pace di chi proprio non riesce a farne a meno, la cioccolata. Via libera a pesce ed uova, così come ad alghe e verdure. Si consiglia il consumo di yogurt, carciofi e spezie come cumino o curcuma.

È quindi importante tenere l’apporto glicemico sotto controllo, e soprattutto prendersi cura di noi stessi. Bisogna sempre ricordare che una sana alimetazione, e uno stile di vita corretto, sono la miglior medicina per curare ogni malanno, e la candida non fa eccezione.

Immagini: Depositphotos

Candida e alimentazione: consigli per la cura e la prevenzione