Bevande con dolcificanti artificiali e i danni sul cervello

Uno studio recente ha messo in evidenza una correlazione tra i dolcificanti artificiali che si trovano nelle comuni bevande light con dei danni al cervello.

Una ricerca ha dimostrato che le persone che consumavano regolarmente bevande con dolcificanti artificiali hanno il triplo della probabilità di avere un ictus o sviluppare demenza cerebrale rispetto a chi non le consuma spesso.

La relazione tra bevande light, ictus e demenza
Un articolo apparso sul giornale Stroke nel 2017 ha riportato i risultati di uno studio condotto su più di 4000 persone adulte per la durata di 10 anni, analizzando l’effetto delle bevande contenenti zucchero e di quelle con dolcificanti artificiali. I risultati hanno evidenziato che i consumatori abituali di bevande con dolcificanti artificiali hanno il triplo delle probabilità di avere ictus e demenza rispetto a chi non le consuma abitualmente. Interessante notare peraltro come il consumo di bevande contenenti il comune zucchero non è associato a un aumento del rischio di contrarre le patologie citate. Quello che si è notato è che le persone analizzate nella ricerca che consumavano bevande dolcificate tendevano in genere anche a soffrire di ipertensione e diabete, entrambi fattori di rischio per ictus e demenza. Peraltro chi soffre di ipertensione e diabete è spinto a scegliere proprio bevande con dolcificanti artificiali rispetto a quelle zuccherate nel tentativo di ridurre introito calorico e i livelli di zucchero nel sangue. Ciò è vero soprattutto per i diabetici. Lo studio non ha sfortunatamente fatto distinzione fra i vari tipi di dolcificanti indagandone l’impatto a livello chimico sull’organismo. Questo ulteriore approfondimento avrebbe permesso di stabilire con più precisione quali dolcificanti sono pericolosi e quanto lo sono. La ricerca ha però messo in luce che la correlazione tra bevande con dolcificanti artificiali è più forte nel caso di ictus che non di demenza. Ciò non deve sorprendere dal momento che l’alimentazione ha un peso maggiore sulle dinamiche che portano all’ictus rispetto a quelle che agevolano lo sviluppo della demenza.

Bevande con dolcificanti artificiali e i danni sul cervello