Un gelato fatto ad arte

Uno degli inventori del gelato, Bernardo Buontalenti, era un artista, scultore e scenografo. E in effetti, a ben guardare, il dolce freddo per eccellenza ha qualcosa di artistico nelle sue forme morbide, colorate e sinuose. 

Sarà poi la cremosità del composto, sarà l’armonia di gusto e freschezza, di fatto il gelato è un cibo irresistibilmente estetico oltre che buono.
Già molto prima della sua scoperta si amava gustare alimenti freddi, fatti di frutta, latte e ghiaccio.

Insomma i precursori del gelato, intorno al 500 a.C., sia in Grecia sia in Cina si facevano apprezzare.
Negli anni l’arte pasticcera dedicata alla gelateria ha sperimentato nuove soluzioni: dolci, salate e persino speziate. E ormai la lista delle specialità è infinita.

Basta scegliere e godersi il sapore e la freschezza dell’ice cream preferito. Per chi se la sente e vuole prepararlo in casa con la gelatiera ecco due ricette base per partire, da decorare a piacere e consumare come pasto, merenda o  dessert.

Gelato di crema
Ingredienti
4 tuorli; 100 gr di zucchero; 300 ml di latte fresco; 200 ml di panna liquida; (vaniglia o scorza di limone)

Preparazione
Scaldare latte e panna con la vaniglia o la scorza di limone. A parte battere le uova con lo zucchero. Mescolare un po’ di latte caldo nelle uova battute e versare il tutto nel latte sul fuoco. Tenere sul fuoco, continuando a mescolare, finché non sia prossimo al bollore. Togliere la crema dal fuoco, passarla da un colino fine e farla raffreddare, sbatterla ogni tanto con una frusta. Versare nella gelatiera e lasciare fino a quando il gelato sia mantecato e ben sodo.

Gelato di fragole

Ingredienti
300 g di fragole; 200 g di zucchero; 50 ml di panna liquida; 1/2 limone; 250 ml di acqua

Preparazione
Mettere zucchero e acqua in una casseruola e far bollire per cinque minuti; ritirare dal fornello e lasciar raffreddare. Aggiungere le fragole passate al setaccio o al frollino, poi far incorporare la panna e il succo di limone, mescolare bene il tutto e versare nella gelatiera e lasciar lavorare finché diventa ben duro.
Per gli altri gusti di frutta ricordarsi di frullare e passare la polpa, e correggere il sapore con la giusta dose di limone.

 

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Un gelato fatto ad arte