Carpaccio e crudité, una scelta di vita

Il crudo è una scelta di vita, una filosofia alimentare che esisteva già con i pesci marinati e le tartare piemontesi prelibate e un po’ sauvage, prima ancora delle contaminazioni Orientali dei sushi e dei sashimi.

Ma il crudo è soprattutto carpaccio, con quelle fettine sottilissime cotte con il succo di limone e condite con olio, pepe e erbe aromatiche, apertosi ormai  a nuovi orizzonti che spaziano dalla frutta alla verdura, dai boeuf ai molluschi.
E riempiono di colore piatti che in estate, con il caldo e la voglia di fresco, sono tra i cibi preferiti per gli ospiti e per chi è in cucina.

Basta far attenzione e scegliere alimenti freschi e ben conservati, mescolare sapientemente gli ingredienti, dosare gli alimenti e servire in tavola.

Il crudismo è una scelta caldamente consigliata anche da molti guru della salute, negli Usa è una moda che ha spopolato tra i personaggi del mondo dello spettacolo, si chiama Raw food: per chi ama un’alimentazione intatta, cruda e naturale.

E se il dibattito tra i vantaggi e gli aspetti negativi di questa alimentazione è ancora aperto, ricordiamo a favore del crudo, le idee – sostenute già nel 1949 – del Mahatma Gandhi: "Per liberarsi da una malattia, occorre sopprimere l’uso del fuoco nella preparazione del pranzo".

Qualcosa di "buono" ci sarà quindi nelle crudité!

La nostra ricetta: Carpaccio di spada e avocado

Ingredienti: 300 gr. pesce spada a fettine sottili, 3 limoni, 1 spichio di aglio fresco, bacche di ginepro, 1 cipollotto fresco, 1 avocado, capperi, prezzemolo ed erba cipollina, sale, pepe, peproncino, aceto balsamico e olio d’oliva q.b.

Preparazione: Tagliate il pesce spada a fette sottilissime, mettetele a marinare nel succo di 2 limoni con una manciata di bacche di ginespro e lo spicchio d’aglio, e fatele riposare in frigo per 3 ore.
Dopodiché togliete tutti gli odori e adagiate il pesce spada, asciugato dal limone, in un piatto da portata, su cui avrete già disposto l’avocado tagliato a fette e condito con sale, olio, pepe e una spruzzata di aceto balsamico.
Decorate il pesce con il cipollotto tagliato a striscioline, una manciata di capperi e il prezzemolo tritato, condite con peperoncino tritato, olio d’oliva e sale. In ultimo aggiungete l’erba cipollina lasciando le foglie lunghe.

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Carpaccio e crudité, una scelta di vita