Se parli da non solo non sei matto ma potresti essere un genio

Parlare da soli? Alla scoperta dei motivi per cui questa azione non è affatto sinonimo di follia, al contrario potrebbe risultare molto produttiva

Parlare da soli è un fenomeno che accomuna moltissime persone. Spesso si avverte la necessità di esprimersi e ci si rende conto di parlare unicamente con se stessi. Questo comportamento non si manifesta solo all’interno della privacy della propria casa, ma anche mentre si cammina per strada, in ufficio o durante lo shopping. Le persone tendono a parlare da sole numerose volte nell’arco della giornata. In realtà pensare ad alta voce aiuta ad essere se stessi in ogni occasione e a materializzare ciò che passa per la testa.

Allo stesso tempo contribuisce a dare maggiore senso alle cose. Però capita di sentirsi folli e di considerare matti coloro che tendono a parlare da soli. In realtà si tratta semplicemente di conversare con le voci presenti nella testa. Ma può bastare davvero poco per essere considerati dei malati mentali. Ciò che è certo è che moltissime persone avranno sicuramente assistito a questo fenomeno, ovvero individui che vagano per le strade e parlano da soli, soprattutto negli ambienti più affollati. In realtà esprimersi tra sé e sé non è motivo di pazzia, ma è questione di genialità.

Le persone che parlano da sole sono più intelligenti. Basti pensare agli affascinanti monologhi interiori dei più grandi pensatori, alla poesia, all’arte e alla storia. Albert Einstein parlava a se stesso ed era solito ripetere fra sé e sé le sue frasi. Dunque se avete l’abitudine di parlare da soli o dimenticare le cose sappiate che non siete soli e non siete affatto fuori di testa, al contrario siete molto più intelligenti. Questa azione spontanea fa lavorare in modo più efficiente il cervello. Lo conferma uno studio pubblicato sul Quarterly Journal of Experimental Psychology, da cui emerge che parlare a se stessi è più utile di ciò che si pensi.

D’altronde se questo fenomeno accomuna molte persone è di buon auspicio comprenderne i benefici. Esprimersi ad alta voce aiuta a capire di cosa si ha bisogno. Ad esempio se si è alla ricerca di qualcosa, dire il nome di un oggetto ad alta voce aiuta ad avere maggiore familiarità con il suo aspetto. Pronunciare il nome di qualcosa desiderata aumenta le probabilità di trovarla. Parlare da soli aiuta ad imparare e ad apprendere esattamente come i bambini. E’ consigliabile dunque ascoltare sempre la voce interiore, al fine di imparare a riconoscere le proprie esigenze.

Se parli da non solo non sei matto ma potresti essere un genio