Lo Straniero Naturalizzato: come conquistarlo

Premettiamolo subito: c’è straniero e straniero. Così, potresti esserti imbattuta in un olandese carnivoro o in un indiano vegetariano, in uno spagnolo radical chic o in uno yankee rampante.
Nove volte su dieci, lo Straniero non sfugge al cliché che Italia è uguale a pizza e spaghetti. Accetta un invito al ristorante solo in due casi.
Primo: se vive nella vostra città davvero da tanti anni, altrimenti rischi di finire nel classico locale trappola per turisti, dove lui spenderà una fortuna per farti servire bucatini stracotti e scaloppine rinsecchite.
Secondo: se ti propone di andare nel locale etnico di suo cugino, dove probabilmente assaggerai il miglior cibo esotico della tua vita, servita con tutti gli onori. Altrimenti, offriti di prenotare.

Il suo peccato di gola? il risotto alla milanese, che a uno straniero fa sempre grande effetto.

Come conquistarlo

  • Se è venuto in Italia, e ci è rimasto, probabilmente è perché gli piace. Di conseguenza tu, per piacergli, devi esprimere al cento per cento il tuo spirito tricolore.
  • Sii femminile, materna, accogliente e ospitale. Se ancora non conosce bene la città o la regione in cui vivete, offriti di mostrargliela. Ecco, magari prima compra una guida per individuare le attrazioni turistiche, che probabilmente da brava italiana ignori tu per prima…
  • Se ha problemi con la lingua (italiana, che avevi capito?!) aiutalo a impararla: parla con lui facendo mini traduzioni simultanee, indicandogli gli oggetti e il loro nome, oppure portagli la tua rivista preferita e leggetela insieme e, quando avrà (avrete.) fatto un po’ di progressi, portalo al cinema o, meglio ancora, cena e dvd da te. Sarà l’occasione per allestire la giusta scenografia.
  • Metti in giro quante più foto di famiglia (si sa, per noi la Famiglia è importante!) hai o trovi: tu da piccola e da ragazzina, coi cugini e con gli zii, ai Natali e ai compleanni. Ai matrimoni, no, perché sembra che vuoi incastrarlo.
  • In cucina non guasta una treccia di peperoncini appesa in un angolo, lustre pentole di rame, un sacchetto di carta stracolmo di pomodori abbandonato sul bancone, un vasetto della marmellata con un ciuffo di basilico. Scegli ricette superclassiche, che lui possa aver già assaggiato ma che, cucinate dalle tue mani, gli parranno un piccolo miracolo.
  • Apparecchia con tovaglia a quadretti, una brocca di vino e una di acqua fresca, un mazzolino di fiori e una candela.
  • Come musica di sottofondo, Mina o, se proprio vuoi esagerare, opera lirica.
  • Ciliegina sulla torta, il look: abitino nero aderente nei punti giusti e giustamente scollato (se proprio non rientri nei canoni della bellezza mediterranea, push-up imbottito), tacchi alti e grembiulino da cucina smilzo, corto (per non "ammazzare" la gamba) e strizzato in vita: un’irresistibile cuochina italiana!

Tratto da: Come sedurlo a tavola", Morellini Editore

Lo Straniero Naturalizzato: come conquistarlo