“Non ho amici”: papà di bimbo autistico condivide su FB il compito del figlio

Il tenero post di papà Bob racconta il disagio del figlio e chiede ai genitori dei suoi compagni di sensibilizzarli ad accettare anche chi è diverso

lettera-bimbo-autistico-1217

La lettera di Christopher – Fonte: Facebook

Christopher Cornelius è un bambino autistico di 11 anni che abita in New Jersey. A scuola gli è stato chiesto di fare un compito completando alcune domande di carattere personale. Alla voce “i tuoi amici sono”, lui ha risposto “nessuno“.

Quando papà Bob ha visto il compito, lo ha fotografato. Solo successivamente si è accorto di quanto ha scritto il figlio. Così ha deciso di pubblicare la lettera su Facebook e di scrivere un lungo post che è diventato subito virale.

Quello di Bob non è uno sfogo di rabbia, ma una triste riflessione su quanto succede al suo bambino, un disagio di cui forse prima non si era mai reso conto appieno:

Ho scritto questo post spinto dalla parola “Nessuno“, ma le poche lettere che la compongono pesano, tanto. E conosco mio figlio: so che essere escluso lo fa sentire solo, lo fa intristire.

Il papà non se la prende coi compagni di scuola di Christopher, la loro reazione di escluderlo non è dettata dalla crudeltà ma solo dall’incomprensione nei confronti di questo bimbo che appare tanto diverso. Sebbene sia intelligente e anche dotato di un gran senso dell’umorismo, a volte a causa dell’autismo ha delle reazioni esagerate e ha bisogno di particolari attenzioni. Scrive papà Bob:

I compagni di mio figlio non sono mai stati crudeli con lui, però l’hanno escluso. E, francamente, li capisco. Anche loro hanno disturbi, ma non come Christopher.

Il piccolo non è figlio unico, ha un fratello più piccolo che spesso invita a casa i suoi amichetti. Anche Christopher chiede il permesso di invitare qualcuno, ma quando il papà gli chiede “chi?”, lui non risponde e allarga le braccia. Perché di amici non ne ha.

Con il suo post papà Cornelius invita i genitori dei compagni di scuola del figlio a sensibilizzare i loro bambini ad accettare chi come Christopher è affetto da autismo e fa capire loro che lui è consapevole di tutto, specialmente di essere escluso e di essere tratto in modo diverso dagli altri.

Insegnate ai vostri figli l’empatia e a includete chi è diverso da loro. Non lo dico solo per coloro che hanno disturbi diagnosticati, ma per ogni singolo bambino.

Il post di Bob avuto più di 50mila condivisioni e Christopher ha ricevuto tantissimi messaggi di affetto. Nella speranza che ora possa stringere una vera amicizia.

“Non ho amici”: papà di bimbo autistico condivide su FB il compito del figlio
“Non ho amici”: papà di bimbo autistico condivide su FB i...